Marijuana light: ecco come acquistarla online in sicurezza

Print Friendly, PDF & Email

La legge 242 del 2016 legalizza la vendita di prodotti a base di marijuana light secondo dei canoni ben precisi, che ne garantiscano qualità e soprattutto sicurezza: il tetraidrocannabinolo (abbreviato thc), che è la sostanza psicoattiva più pericolosa della canapa, dovrà essere presente in una percentuale non superiore allo 0,6%. Inoltre, le piantagioni da cui deriveranno tali prodotti, devono essere esclusivamente italiane. Al fine di acquistare con la totale certezza del rispetto della normativa, è necessario utilizzare solo portali web riconosciuti e che possiedano le dovute certificazioni.

Su questi siti sarà possibile visualizzare in anteprima tutte le informazioni necessarie: i livelli di thc, innanzitutto e poi anche quelli di cbd, o cannabidiolo. Quest’ultimo rappresenta la componente principale e persino terapeutica della canapa sativa; ha proprietà antinfiammatorie, antiossidanti e calmanti, quindi viene spesso utilizzato come terapia per il dolore (persino quello causati da chemio o altri interventi invasivi), impiegato in creme e maschere di bellezza che combattono i radicali liberi e assunto in caso di insonnia o forte stress.

La produzione di erbe e prodotti viene garantita da certificazioni che ne attestano, per l’appunto, la provenienza italiana e rigorosamente biologica, senza diserbanti o altri prodotti chimici, nel pieno rispetto delle regole e della natura. Alcune varietà, pur essendo coltivate nel nostro Paese, hanno origini diverse e presentano profumazioni e aromi peculiari molto fruttati che ricordano il melone, il limone o persino la fragola.

Un altro vantaggio di acquistare online è rappresentato dalla varietà di elementi che contengono marijuana legale: si possono trovare creme per il corpo o per il viso, come già accennato, oppure shampoo e detergenti che lascino capelli e pelle morbidi e luminosi, nonché profumazioni per la casa. Ma uno degli impieghi preferiti dagli utenti, rimane quello in campo alimentare: l’olio CBD è sempre più utilizzato per creare ricette innovative. Vi si può fare un ottimo burro da usare come base per diverse preparazioni, aggiungere ai dolci oppure a piatti principali quali la pasta o la carne. Sul web si trovano prodotti finiti quali dolci secchi, pasta, bustine di tè e tisane, condimenti come il pesto, farine e bevande.

I siti web che vendono questo tipo di merci spesso informano anche sulle modalità più corrette d’impiego o di conservazione. Come qualsiasi altro alimento, infatti, anche la cannabis light deve essere mantenuta a temperature né troppo alte né troppo basse, sicuramente non oltre i 25° per impedire il formarsi di muffe che la renderebbero utilizzabile e persino tossica. Senza contare che l’avvento di batteri potrebbe alterare i livelli di CBD, annullandone gli effetti. Lo stesso discorso vale per il tasso di umidità che, se troppo basso seccherebbe l’erba, mentre se eccessivo porterebbe ulteriore prolificazione batterica. Il tasso ottimale è tra il 60 e il 63 per cento. Da evitare anche l’esposizione diretta al sole (i raggi UV sono dannosi) o la conservazione oltre l’anno. Proprio per preservarne le proprietà organolettiche, inoltre, sarebbe opportuno conservare la canapa sativa in contenitori di vetro e non di plastica, coprirli con una chiusura ermetica e riporli in un luogo fresco e asciutto.

I metodi di conservazione, la corretta dose di olio CBD e tante altre informazioni utili riguardanti le proprietà e la provenienza dei prodotti a base di marijuana, sono tutte indicazioni che solo un portale autorizzato e serio possono fornire. Sarà quindi indispensabile acquistare solo da questi siti web, in totale sicurezza.

CONDIVIDI