Come scegliere tra le numerose proposte di assicurazioni auto?

Print Friendly, PDF & Email

Scegliere la miglior polizza per la propria auto è, senza dubbio, decisamente difficile di questi tempi. Capita, infatti, di venir bombardati da una serie di offerte, proposte, tutte differenti sia in termini di tariffe che di tipologie di assicurazioni auto.

In questa marea di possibilità, abbiamo deciso di darti qualche pratico ed efficace suggerimento, al fine di scegliere la polizza auto perfetta per la tua tipologia di veicolo e per l’uso che fai dello stesso.

  1. Confronta sempre le varie offerte
    Per scegliere l’RC auto perfetta per le tue esigenze, si inizia sempre valutando e studiando in modo accurato le varie offerte promosse dalle aziende assicurative, su siti come chescelta.it e così via. Ma cosa bisogna osservare nello specifico? Innanzitutto il prezzo: prenditi un po’ di tempo per studiare a fondo costi e spese delle varie polizze, al fine di risparmiare un po’ di denaro. Inoltre, considera sempre la franchigia, la somma, cioè, che viene stipulata al momento del contratto e che non è altro che parte della liquidazione della compagnia che viene versata al cliente in caso di verifica dell’evento che viene assicurato. Capita che un’assicurazione decida di lasciare scoperta parte di questa franchigia per concedere un risparmio al cliente in termini di denaro: valuta questo aspetto anche sulla base delle tue esigenze e non accettarlo in modo impulsivo.
  1. Attenzione alla Classe di Merito Universale
    Capita che quando si cambia polizza assicurativa, per quanto concerne la stipula del preventivo, venga inserita sempre la Classe di Merito Interna al posto di quella Universale. Ciò è sbagliato. La Classe di Merito Universale è uguale per tutte le compagnie e permette di trasferire in modo semplice la propria situazione assicurativa da una RCA all’altra. Con quella interna, invece, si parla di storia assicurativa strettamente legata a leggi interne della compagnia e non universali. Completare questo campo in modo sbagliato, potrebbe spingerti ad avere delle offerte RCA errate o deleterie. Per cui attenzione.
  1. Occhio alle offerte troppo personalizzate
    Può accadere che le compagnie assicurative propongano delle offerte personalizzate per soddisfare sempre più le necessità di ogni cliente. Ciò può essere senza dubbio un fattore positivo, ma può divenire anche negativo se non si presta accurata attenzione all’offerta che ti viene proposta. Un esempio? Può succedere che per risparmiare, ti venga offerta un RCA molto vantaggiosa ma per la guida del solo proprietario del veicolo. Oppure può capitare che venga escluso un target di persone con un range specifico di età. Ebbene, per evitare fregature, valuta sempre le offerte personalizzate che ti vengono proposte e sii consapevole di ciò che accetti, anche sulla base delle tue più strette opportunità economiche.
  1. Pagamento annuale o frazionato?
    Diverse compagnie assicurative propongono due modalità di pagamento molto diffuse: l’annuale o il frazionato. Con l’annuale, la polizza viene pagata ogni tre mesi o, più comunemente, ogni sei, mentre con il frazionato il pagamento avviene ogni mese. Il pagamento più vantaggioso è senza dubbio quello annuale: puoi circolare per tutto l’anno con un costo decisamente più sostenibile. Per quanto concerne il frazionato, si tratta di una spesa che comporta quasi sempre delle spese aggiuntive, che possono arrivare anche al 7% in più del prezzo precedentemente concordato.
  1. Attenzione alle garanzie accessorie
    Le garanzie accessorie, chiamate anche in gergo tecnico ARD (Assicurazione Rischio Diverso), sono piccole garanzie facoltative che completano un RCA del veicolo. Più comunemente coprono:
  • Furto
  • Incendio
  • Eventi naturali
  • Kasko
  • Infortunio conducente

Chiaramente si parla di risarcimenti totali o parziali. Nel primo caso, si risarcisce il valore commerciale del veicolo; nel secondo i danni provocati dal fuoco, sia in movimento o in sosta della macchina; nel terzo, i danni provocati da grandine; il terzo, i danni provocati da un tamponamento con altri veicoli con colpa e infine l’ultimo si risarcisce il conducente in casi di incidente con colpa.

Parlando di garanzie accessorie e non obbligatorie, la scelta sta solo a te e alle tue esigenze. Sempre tenendo d’occhio le offerte ed eventuali promozioni delle compagnie assicurative.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI