San Benedetto e gli hotel buttati giu, Ivano Pennesi: “Garden e Persico? Mi piange il cuore. A Grottammare hanno idee più chiare”


Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Se parli di turismo sambenedettese il pensiero va inevitabilmente a Ivano Pennesi e, sulla vicenda della scomparsa graduale degli hotel in riviera, non poteva non arrivare l’opinione dello storico direttore dell’azienda di soggiorno. “A me sembra un po’ assurda tutta la storia”, sono le primissime parole di Pennesi, allarmato per la sparizione delle strutture ricettive, passate in circa un trentennio da 130 ad appena 70 impianti.

“Vedere il Garden e il Persico buttati giù mi fa piangere il cuore”, afferma. “Adesso in pieno centro ci rimane solo il Calabresi”.

Da hotel ad appartamenti, una trasformazione che sembra non conoscere sosta e che a San Benedetto ha trovato terreno fertile grazie ad un vuoto politico che non ha prodotto atti amministrativi in difesa dell’identità cittadina. “Sì, noto differenza con Grottammare che mi sembra più sul pezzo. Credo che abbia le idee un po’ più chiare. Mi si potrà dire che i tempi sono cambiati e che i turisti preferiscono gli appartamenti dove poter fare come gli pare, ma questo concetto va bene fino ad un certo punto. San Benedetto è incapace di sfruttare le attività congressuali, non abbiamo i servizi e gli alberghi necessari in bassa stagione ed è un doppio danno per noi. Di strutture che rimangono aperte per tutto l’anno ne abbiamo poche, non ci rimane molto”.

Andrebbe poi analizzata la qualità degli hotel, altro tema fondamentale per un rilancio turistico. “Alcuni sono validi, altri vanno rinnovati – osserva Pennesi – da noi manca qualcosa di eccellente. Un’idea buttata là potrebbe essere uno stabilimento talassoterapico che prelevi l’acqua dal mare. Inoltre, non siamo capaci di offrire collegamenti con i paesi dell’entroterra. Quando c’era la minaccia di pioggia organizzavamo in un batter d’occhio dei pullman per andare a visitare i piccoli borghi. Passavamo ai turisti pure la merenda. Oggi non viene fatto”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA