Zenga: “Alla Samb mi pedinavano. Gli allenatori facevano le ronde”. VIDEO

Print Friendly





SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un salto indietro lungo trentasette anni. Esattamente il tempo trascorso dall’esperienza in rossoblu di Walter Zenga. Arrivato dal Savona nell’estate del 1980, il portierone futura bandiera dell’Inter sarebbe rimasto in Riviera per due stagioni, agli ordini di Nedo Sonetti.

Ventenne, talentuoso e assai vivace, per usare un eufemismo. A tal punto che il mister di Piombino ordinò al suo vice, Aldo Sensibile, di pedinarlo nelle sue uscite notturne. Una volta però Zenga se ne accorse e fece girare a vuoto il suo inseguitore per tutta San Benedetto. Il giorno dopo al campo lo incrociò e gli disse: “Guarda che ti ho visto, la prossima volta ti porto fino a Pescara”.

“E’ vero”, ha ammesso Zenga durante la puntata di “Calciomercato L’Originale” di mercoledì sera. “Erano gli anni Ottanta e all’epoca gli allenatori avevano questo modo di fare. Facevano la ronda per vedere se eri a casa”.

Stuzzicato da Alessandro Bonan ha anche ricordato quando scappava dalla sua stanza lasciando le luci accese. Il tutto mentre in onda scorrevano immagini inedite di quell’avventura alla Samb.