giovedì 1 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 08:30
giovedì 1 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 08:30

Samb, Cozzella in pausa di riflessione: “Tra stasera e domani deciderò il mio futuro”

Il direttore sportivo analizza l'incontro di ieri: "Paradossalmente il fattore campo per noi diventa un problema"
▲  Vittorio Cozzella
jako

SAN BENEDETTO DEL TRONTO
Dopo l’ennesima contestazione, il Direttore Sportivo della Sambenedettese Vittorio Cozzella fa il punto della situazione, analizzando il pareggio di ieri con il Porto d’Ascoli e i possibili scenari futuri.

La vittoria al Riviera, che manca addirittura dal maggio scorso, è oggettivamente uno dei principali problemi di questa squadra: “Questa purtroppo è la nostra lacuna. – spiega il direttore – Noi soffriamo molto le partite al Riviera. Il fattore campo, che tante volte può essere il tuo punto di forza, per noi diventa un problema. Bisogna superarlo e vedere in futuro se magari si riesce a conquistare i tre punti in casa che magari, possono sbloccarci in maniera definitiva”.

Fabio Prosperi lancia dal 1’ Guido Guerrieri tra i pali. La scelta di schierare l’ex Lazio si rivela azzeccata: porta inviolata e tanti buoni interventi: “Queste sono scelte che fa il tecnico. Lui decide il da farsi. Sicuramente Guido ieri ha fatto una buona prestazione. E’ un ragazzo serio, a posto e che si è fatto trovare pronto. Deve essere questo lo spirito di squadra”.

Rossoblu che ai nastri di partenza si presentavano con i favori del pronostico, con diversi giocatori importanti e di categoria superiore: “Purtroppo adesso è facile dire che non funziona niente e che i giocatori non sono capaci. Sulla carta, un reparto composto da Cardella, Chinellato, Vita ed Emili è un attacco di primo livello. Ma anche a centrocampo, quando hai Lulli, Angiulli, Tassi, Proia e Costa non si può dire che non sia un buon centrocampo. I 2004 Mauthe e Viscardi sono due giocatori importanti. Under in porta? Sono due 2003 che magari, per un verso o per un altro, hanno incappato in qualche episodio. Altro aspetto, che non vuole essere una scusa, è il fatto che non sempre abbiamo avuto tutti a disposizione. E’ un fattore importante che abbiamo pagato caro e che continuiamo a pagare”.

In conclusione, poche ma dirette battute in merito al suo futuro a San Benedetto: “La mia permanenza? Sto riflettendo. Tra stasera e domani vedo il da farsi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PUBBLICITA’

bio 250
menoamara

TI CONSIGLIAMO NOI…