domenica 28 Novembre 2021 – Aggiornato alle 07:54

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

salone bio 2
Il traguardo

Brasilian jiu jitsu, Francesco Mininni conquista il bronzo al campionato mondiale

Il titolo mondiale è andato al russo Anatoly Abramov della Kristian Cestaro Jiu Jitsu Association, mentre la medaglia d’argento è andata all’altro atleta russo Roman Chechun
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print
contaldo 250
SAN BENEDETTO DEL TRONTO
salone bio 2

Francesco Mininni della Checkmat San Benedetto ha conquistato la medaglia di bronzo al campionato mondiale di brasilian jiu jitsu che si è svolto ad Abu Dhabi. L’atleta pugliese che vive ad Alba Adriatica non è riuscito a confermare il titolo iridiato che aveva conquistato lo scorso anno, ma è comunque soddisfatto per essere salito sul podio mondiale.

«Sono contento del risultato ottenuto a questo World Pro Master – ha dichiarato Mininni – avrei preferito salire sul gradino più alto, ma non sempre si può vincere. Lo sport insegna a perseverare, a prendere le sconfitte come punto di partenza ed è ovvio che serve tanta forza mentale più che fisica. Grazie a Dio sono comunque riuscito a portare a casa una medaglia di bronzo in un palcoscenico mondiale dove erano presenti oltre cinquemila atleti provenienti da tutto il mondo, tutti agguerriti e di livello altissimo». Il titolo mondiale è andato al russo Anatoly Abramov della Kristian Cestaro Jiu Jitsu Association, mentre la medaglia d’argento è andata all’altro atleta russo Roman Chechun, che gareggiava per la stessa società sambenedettese di Mininni. «A mente fredda sento di aver dato tutto me stesso per questo podio –commenta ancora – è ovvio che l’anno prossimo tornerò per strappare il titolo, mentalmente sono già proiettato a quello». La stagione dell’atleta rossoblù non è però terminata qui. «I prossimi impegni in vista sono il titolo italiano a fine mese a Milano, una tappa del prossimo circuito mondiale a Barcellona a metà dicembre, poi il titolo europeo a metà febbraio e nel frattempo avrò altri impegni ai quali saprò farmi trovare pronto. Ringrazio Dio, la mia famiglia – ha poi concluso – i miei maestri Rodrigo Silva e Juninho Crivellari, il preparatore atletico Mattia Gargano, il fisioterapista Gianni Gialluisi e i manager Giacomo Tronelli e Pasquale Giancaspro».

salute 23

Ultime notizie

binario 3 250

TI CONSIGLIAMO NOI…