Strategie utili per combattere e prevenire l’influenza

Print Friendly, PDF & Email

DOTT.SSA
Maria Lucia Gaetani
Biologa Nutrizionista
Via Solferino angolo piazza Ancona
San Benedetto del Tronto
Telefono 338.2482488
Sito web: www.nutrizionistagaetani.it

In vista delle cosiddette “patologie da raffreddamento”, è importante ricordare che anche in questo caso l’alimentazione gioca un ruolo di primaria importanza. Possiamo quindi adottare alcune strategie per difendere l’organismo dai malanni tipici della stagione invernale; un menù equilibrato, variegato e rispettoso della stagionalità, ci potrà aiutare a combattere raffreddore, tosse, mal di testa, dolori articolari, spossatezza e stati febbrili rafforzando il sistema immunitario e rendendoci meno vulnerabili ai virus influenzali. 

Ci sono una serie di alimenti che svolgono un’azione immunomodulante ed antinfiammatoria, in grado cioè di garantire un adeguato funzionamento dei sistemi di difesa e di protezione del nostro organismo.

Arricchite quindi la vostra tavola di questi indispensabili cibi:

 

  • Via libera alle verdure di stagione, possibilmente cotte al vapore per mantenere inalterate le proprietà nutrizionali, da consumare sia a pranzo che a cena: ecco quindi cavoli e broccoli (ricchi di vitamina C e con proprietà antitumorali) che diventano per esempio un buon condimento per un gustoso primo piatto, il finocchio (drenante e sgonfiante) può trasformarsi in una perfetta vellutata; la zucca (buona quantità di fibre, vitamina A e B, ferro, potassio…) con la quale si può realizzare un menù completo dall’antipasto al dolce; la bieta e la famiglia delle verze (vitamina C, acido folico, potassio, alto indice di sazietà..) permettono di realizzare gustosi contorni; gli spinaci (vitamina E, ferro e calcio) crudi o cotti al vapore e conditi con succo di limone permettono al corpo di assimilare e fissare il ferro; i porri ( buon serbatoio di sali minerali, in particolare ferro, oltre che di vitamina C, fibre e proteine) si prestano per saporite vellutate e minestre ma possono essere consumati crudi nelle insalate.

 

  • La frutta di stagione con la sua vitamina C non deve assolutamente mancare! Ecco quindi: kiwi che ha una notevole quantità di acidi organici, sali minerali: potassio, sodio, ferro, fosforo, vitamine C e gruppo B e flavonoidi (soprattutto antocianine, ellagitannini, quercitine…); arance, mandarini, mandaranci rappresentano una importante fonte di vitamine: soprattutto la C e la A, ma anche una larga parte di quelle del gruppo B, in particolare TiaminaRiboflavina e oltre alla vitamina PP ovvero la Niacina; la melagrana (possiede una notevole quantità di acidi organici, sali minerali: potassio, sodio, ferro, fosforo, vitamine C e gruppo B, flavonoidi soprattutto antocianine, ellagitannini, quercitine e altri composti volatili), mele (ricche di fibra, vitamine A e C, sali minerali come potassio, magnesio, calcio ma povere di sodio, indicate per tutti i tipi di diete); pere (ricche di fibra solubile ed insolubile: una pera fornisce circa il 16% delle fibre necessarie al nostro fabbisogno quotidiano, utilissima in caso di stipsi); cachi (ricchi di potassio: 165mg/100g di sostanza edibile, di fosforo: 20 mg e in piccole quantità di magnesio, calcio, sodio, selenio e manganese).

Per il fabbisogno giornaliero di vitamina C, basta consumare 2 o 3 arance al giorno o 2 kiwi al giorno.

La frutta è ideale anche come spuntino o per colazione magari spremuta insieme a cereali integrali. I mandarini sono anche pratici da portare con sé. Inoltre possono essere consumati come condimento, aggiunti a piatti come pollo, arista o faraona al limone o all’arancia. Gli agrumi, accostati alla verdura, migliorano l’assorbimento del ferro.

  • Anche le bevande giuste possono aiutare! Con l’inverno lo stimolo della sete viene meno e questo porta al rischio della disidratazione. È quindi fondamentale introdurre acqua anche sottoforma di brodi, zuppe, minestroni per riuscire a bere almeno 1,5/ 2 litri di acqua al giorno. Via libera però anche al tè rosso (rooibos) il cui modesto contenuto di tannini e l’assenza di teina, insieme al suo sapore gradevole e leggermente dolciastro, lo rendono una valida alternativa al tè verde e del tè nero che risultano un po’ più “amari” ma comunque tutti ricchi di antiossidanti. 

Anche la tisana alla rosa canina, con proprietà antinfiammatorie ed immunomodulanti, è ottima per rinforzare le difese immunitarie. Le bacche di questa pianta, eccezionalmente ricche di vitamina C e bioflavonoidi, aiutano a regolare il sistema immunitario, spesso messo a dura prova da malattie e raffreddori.

  • Un grande aiuto al nostro sistema immunitario ci proviene dalle spezie: pepe, peperoncino, chiodi di garofano, cannella, zenzero, curcuma…

Possono essere aggiunte a cibi dolci o salati ed hanno un potere antinfiammatorio ed anti tumorale.

 

Ultimi consigli: lava sempre molto bene le mani con sapone, concedi al tuo corpo il tempo giusto per recuperare le energie e fai tutti i giorni attività fisica che, riattivando la circolazione, potenzia la funzione immunitaria.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI