Il Poliambulatorio della Caritas cresce. Potenziato supporto medico e psicologico per chi non ha risorse per le cure


Print Friendly, PDF & Email

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA – La Caritas, in collaborazione con la Onlus Santa Teresa d’Avila, ha avviato, il progetto “Poliambulatorio Amico”: un progetto che intende rispondere al bisogno di cure mediche di base e specialistiche anche quelle legate alle nuove dipendenze (come sesso, gioco d’azzardo, internet ecc.), in favore delle persone che si trovano in una situazione di disagio sociale ed economico con forte difficoltà di accesso al servizio medico.

“Questa iniziativa – spiegano i promotori del progetto – è nata dalla necessità di fronteggiare la grave crisi economica che ha colpito, in particolar modo, il nostro territorio, poiché alle vecchie povertà se ne sono aggiunte di nuove quali ad esempio famiglie di ceto medio che, a causa della perdita dei posti di lavoro, hanno visto il loro reddito diminuire progressivamente. Pertanto i destinatari cui il progetto ha inteso rivolgersi sono: famiglie, anziani, disoccupati in modo particolare giovani, emarginati, extracomunitari, ma anche famiglie, persone sole; tutti accomunati dal fatto che non dispongono di risorse economiche necessarie per le cure mediche sia di base sia specialistiche”.

Dato l’alto numero di richieste, si è quindi deciso di potenziare il Poliambulatorio, già avviato nel 2015, migliorando il servizio di cure odontoiatriche e protesi dentarie cui si accompagna anche un percorso di sostegno psicologico alle famiglie in difficoltà. Il progetto è coordinato dal dottor di Biagio e da un’equipe di giovani operatori, con lo scopo di dar vita a un percorso di riabilitazione e di assistenza alla persona per facilitare il reinserimento sociale.

L’iniziativa si inserisce all’interno dell’Opera-Segno per la Comunità Cristiana, promuovendo e sensibilizzando le persone tutte sul tema delle nuove povertà e sulla necessità di impegnarsi attivamente, nonché sul tema delle nuove dipendenze, problematica fortemente emergente e verso la quale si fa fatica ad intervenire. Per informazioni è possibile contattare la Segreteria Caritas diocesana 0735-588785


© RIPRODUZIONE RISERVATA