domenica 29 Maggio 2022 – Aggiornato alle 00:14

INSERZIONE PUBBLICITARIA

Alla scoperta del Cbd, ecco gli effetti benefici sull’organismo e sull’umore

weedy
Il CBD è una sostanza chimica presente nella marijuana. Il CBD non contiene tetraidrocannabinolo (THC), l’ingrediente psicoattivo presente nella marijuana che produce lo sballo (euforia, rilassamento, percezione spazio-temporale alterata; alterazioni uditive, olfattive e visive). La formulazione del CBD è spesso sotto forma di olio, ma viene anche venduto come estratto, liquido vaporizzabile, capsule e inflorescenze. Cibo, bevande e prodotti di bellezza sono tra i tanti prodotti a base di CBD disponibili in vendita.
Attualmente, l’unico prodotto CBD approvato dalla Food and Drug Administration è un olio da prescrizione medica chiamato Epidiolex. È approvato per il trattamento di due tipi di epilessia. A parte Epidiolex, le leggi statali sull’uso del CBD variano. Mentre il CBD viene studiato come trattamento per una vasta gamma di condizioni, tra cui il morbo di Parkinson, la schizofrenia, il diabete, la sclerosi multipla e l’ansia, la ricerca a sostegno dei benefici del farmaco è ancora limitata.
Effetti collaterali del CBD
Gli autori di una recensione del 2019 hanno confermato che le persone potrebbero tollerare bene il CBD anche a dosi fino a 1.500 mg / giorno. I dati sulla sicurezza a lungo termine del CBD sono limitati. Alcuni effetti collaterali associati al CBD sono:
sonnolenza
diminuzione dell’appetito
diarrea
variazioni di peso
Un altro motivo di preoccupazione è l’inaffidabilità della purezza e del dosaggio del CBD nei prodotti. Un recente studio su 84 prodotti CBD acquistati online ha mostrato che più di un quarto dei prodotti conteneva meno CBD di quanto etichettato. Inoltre, il THC è stato trovato in 18 prodotti.
La Food and Drug Administration (FDA) non ha validato il CBD per il trattamento dell’ansia o di altre condizioni di salute mentale. Le persone dovrebbero usare molta cautela quando acquistano prodotti CBD.
Se prevedi di utilizzare prodotti contenenti CBD, parlane con il tuo medico.
Cosa dicono le ricerche circa l’effetto del CBD sull’ansia e depressione
Secondo gli autori di una revisione scientifica del 2015, il CBD interagisce con il recettore dei cannabinoidi di tipo 1 (CB1R), il recettore della serotonina 5-HT1A e altri recettori nel cervello che regolano la paura e i comportamenti indotti dall’ansia.
Gli autori della revisione hanno anche trovato prove precliniche e cliniche che hanno stabilito il CBD come trattamento efficace per numerosi tipi di disturbi d’ansia, tra cui:
disturbo d’ansia generalizzato (GAD)
disturbo post-traumatico da stress (PTSD)
disturbo di panico (PD)
disturbo ossessivo-compulsivo (DOC)
disturbo d’ansia sociale (SAD)
In uno studio più recente del 2020, i ricercatori hanno valutato gli effetti del CBD in 397 adulti che vivono in Nuova Zelanda. I partecipanti allo studio hanno ricevuto prescrizioni mediche di CBD per una varietà di disturbi, tra cui dolore non canceroso, sintomi correlati al cancro, sintomi neurologici e sintomi legati alla salute mentale.
Tutti i gruppi hanno riportato miglioramenti nella loro qualità di vita complessiva dopo 3 settimane di trattamento con CBD. Secondo quanto riferito, le persone che hanno ricevuto un trattamento con CBD per ansia o depressione hanno sperimentato miglioramenti nella loro capacità di svolgere le funzioni quotidiane e ridurre i sintomi di dolore, ansia o depressione.
Il 70% dei partecipanti allo studio ha riportato un certo livello di soddisfazione per il trattamento con CBD, che va da buono a eccellente. Solo il 9,9% dei partecipanti ha sperimentato effetti collaterali negativi, come sedazione e sogni vividi. Una parte ancora più piccola della popolazione dello studio (0,8%) ha riportato un peggioramento dei sintomi.
In uno studio retrospettivo, i ricercatori hanno valutato gli effetti del trattamento con CBD in 72 adulti con problemi di ansia o di sonno.
La maggior parte dei partecipanti allo studio ha ricevuto una capsula da 25 milligrammi di CBD una volta al giorno (mg/d). Alcuni partecipanti hanno ricevuto 50 o 75 mg / d. Un individuo con una storia di trauma e disturbo schizoaffettivo ha ricevuto fino a 175 mg / die.
Dopo i primi 2 mesi di trattamento con CBD, il 78,1-79,2% dei partecipanti ha riportato miglioramenti nei sintomi dell’ansia. Tuttavia, il 15,3-19,5% dei partecipanti ha sviluppato sintomi peggiori dopo il trattamento con CBD.
Gli autori di un articolo del 2020 hanno esaminato otto studi che indagano sul ruolo del CBD nel trattamento di vari disturbi d’ansia.
Gli autori hanno trovato prove a sostegno dell’uso del CBD come monoterapia efficace o terapia complementare per il trattamento del disturbo d’ansia generalizzato, del disturbo d’ansia sociale e del disturbo da stress post-traumatico.
Tuttavia, gli studi hanno mostrato una variazione considerevole nelle dosi di CBD, che vanno da 6-400 mg per dose. Questa variazione evidenzia la necessità di più studi clinici di alta qualità e su larga scala per aiutare a stabilire un dosaggio standardizzato e linee guida per l’uso clinico per la terapia con CBD.
E’ possibile sviluppare dipendenza da CBD?
A differenza della sua controparte, il delta-tetraidrocannabinolo (THC), il CBD non ha effetti psicoattivi. Tuttavia, le persone potrebbero chiedersi se il CBD crea dipendenza.
Il CBD, di per sé, non sembra avere effetti legati alla dipendenza. Ciò può essere dovuto al fatto che il CBD non produce effetti inebrianti.
Secondo un rapporto di pre-revisione del 2017, l‘Organizzazione mondiale della sanità (OMS) afferma che “le prove di una ricerca sperimentale umana ben controllata indicano che il CBD non è associato a un potenziale di abuso”.
I risultati di uno studio del 2016 su 31 adulti mostrano che mentre il THC attivo ha prodotto effetti fisici e psicologici, come battito cardiaco accelerato ed euforia, il CBD non ha influenzato la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna o la funzione cognitiva.
Anche il CBD si è comportato in modo simile a un placebo sui sentimenti di intossicazione auto-riferiti. Al contrario, il gruppo THC ha riferito di sentirsi euforico e sedato.
Non solo il CBD non crea dipendenza, ma può anche aiutare a curare la tossicodipendenza.
Prove preliminari suggeriscono che il CBD potrebbe ridurre la probabilità di sviluppare disturbi da uso di cocaina e metanfetamina. Può anche aiutare a prevenire le ricadute dopo un periodo di disintossicazione e sobrietà.

Gli autori di una revisione del 2015 hanno trovato prove che il CBD può anche aiutare a curare la dipendenza da nicotina e cannabis.

WEEDY POINT E’ APERTO H24 E ATTIVI SEMPRE E COMUNQUE CON LE CONSEGNE A DOMICILIO E/O SPEDIZIONI IL TUTTO GRATUITAMENTE BASTA CHIAMARE O SCRIVERE AL NUMERO 3248169597.

CI TROVATE:
ALBA ADRIATICA sul lungomare Marconi 128 proprio di fronte al pub old sponge.
ASCOLI PICENO in via Cesare Battisti 24 proprio dietro al caffè Meletti.
SAN BENEDETTO DEL TRONTO in via Piemonte 103/B a due passi dallo storico pub San Michele.

TI CONSIGLIAMO NOI…