Alla Bottega d’Arte di Monica Isopi si rivive l’epoca dei robot giapponesi

Print Friendly, PDF & Email


INFORMAZIONE PUBBLICITARIA – Alle 18.45 di martedì 4 aprile 1978, su Rai Due, venne messa in onda la prima puntata del cartone animato giapponese (anime) Atlas Ufo Robot, i bambini degli Anni ’70 andarono in preda a uno shock culturale, non si erano mai visti cartoni animati di questo tipo e non era solo qualcosa di nuovo e diverso, era inaspettato.

Robot come Mazinga Z, Jeeg Robot d’acciaio e Goldrake Ufo robot (cioè, le tre principali creazioni di Go Nagai), sono molto di più di un semplice e nostalgico ricordo, sono stati emblemi di una intera generazione.

Nella propria Bottega d’Arte, Monica Isopi fa rivivere quell’epoca ai “Goldrake-generation”. Ha in esposizione tanti meravigliosi quadri che raffigurano questi super robot in azione. Sono opere pop art, dipinte in acrilico su tela di juta, coloratissime, fedeli al cartone originale.

I Cinquantenni che passano in via Mentana, giunti alla galleria di Monica Isopi, si soffermano davanti alla vetrina. Queste opere esposte suscitano in loro una bella emozione e inevitabili ricordi d’infanzia. Alla vista di Goldrake in volo, il sorriso è la prima espressione che arriva, spontaneo. Segue un po’ di nostalgia e l’inevitabile spiegazione ai figli che, allibiti, si sentono raccontare di “lame rotanti” che hanno salvato la Terra e del “cuore d’acciaio” di Jeeg Robot, poi qualcuno inevitabilmente canticchia “…si trasforma in un razzo missile”. Sono quadri che mettono di buon umore.

Sarebbero perfetti in camera dei bambini, molto indicati in un soggiorno moderno, ideali appesi in ufficio, sbloccano fredde relazioni e simboleggiano forza e potenza.

I vostri super robot anni ’80 e altre opere, con altri personaggi simbolo di quegli anni, li troverete esposti a San Benedetto del Tronto, alla Bottega D’Arte di Monica Isopi in Via Mentana, 22.


CONDIVIDI