martedì 18 Gennaio 2022 – Aggiornato alle 05:40

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

salone bio 2
Politica

Torquati: “Il nuovo piano del porto lo stanno facendo da Roma. Il Comune se ne sta interessando?”

Dall'associazione Città Grande del Piceno parla l'ex assessore: "Vogliamo perdere occasioni di sviluppo con i prossimi finanziamenti comunitari?"
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print
vero 250
SAN BENEDETTO DEL TRONTO
salone bio 2

L’Associazione Città Grande del Piceno torna a parlare di porto affrontando il tema del piano regolatore approvato nel 2014. “Sicuramente aveva delle pecche da correggere – afferma dall’associazione l’ex assessore Nazzareno Torquati – ma significava un momento di apertura e opportunità per lo sviluppo non solo dell’ economia cittadina ma anche territoriale. Nuove prospettive produttive per la cantieristica, il turismo, la logistica integrata, la definizione di porto specializzato per la pesca, lo sviluppo commerciale per le movimentazioni della nostra catena del freddo tra le prime in Europa”.

Quindi la famosa svolta del 2016 quando si aderì al sistema di Autorità Portuale. “Una scelta presa in modo perentorio e senza una analisi di costi e benefici – affermano – e da allora tutto si è fermato perdendo ogni autonomia di interventi e organizzazione, il caso del dragaggio del porto e la mancata partecipazione al progetto Interreg  Susport è la dimostrazione plastica della nostra irrilevanza. Oltretutto continuiamo a pagare un canone demaniale per l’ area del Mercato Ittico alla Autorità portuale, mentre lo potremmo risparmiare se, come è possibile, la stessa venisse inglobata nel demanio comunale. Ora da luglio  un team di società della capitale sta redigendo per conto della A.P. il nostro nuovo PR portuale:  la nuova Amministrazione Spazzafumo sta seguendo questo argomento fondamentale per il futuro del nostro territorio? Ha intenzione di creare un dibattito con i portatori di interesse settoriali?”.

Dall’associazione sottolineano come l’ area nord del porto sia rimasta l’ unica disponibile ad una razionalizzazione delle attività marittime. Così da liberare la parte sud dal caos per darle una definitiva vocazione turistica, nautica, commerciale e di ristorazione. “Vogliamo perdere una ulteriore occasione di sviluppo anche considerando i prossimi cospicui finanziamenti comunitari? La prospettiva futura del trasporto sarà la realizzazione delle autostrade del mare, dove i porti saranno funzionali sia al commercio ma anche come punto di rifornimento. Come succede nelle autostrade terrestri. Se facciamo valida questa previsione si può già prefigurare per noi  un terzo braccio del porto altamente sostenibile  dopo aver realizzato un ripascimento in cui collocare i cantieri e indotto, con la collocazione di strutture energetiche rinnovabili destinato ad ospitare e rifornire navi da carico di piccolo e medio cabotaggio, di traghetti e  crociere mediterranee . Un porto di piccole-medio dimensioni che diventi crocevia del centro Italia verso i paesi balcanici e mediorientali. Vogliamo pensare al futuro o restare in una dimensione paesana?”.

Avis Sbt 250

Ultime notizie

andre media 250

TI CONSIGLIAMO NOI…