domenica 24 Ottobre 2021 – Aggiornato alle 21:47

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

salone del bio 3

Terremoto al Gal Piceno, Agostini è il nuovo presidente. “Prima hanno applaudito Gentili, poi lo hanno cacciato”

La polemica del delegato di Montalto
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print
olive 250
salone del bio 3

Parla di “assemblea surreale” l’ex sindaco di Montalto, Raffaele Tassotti, riferendosi a quanto accaduto nel corso della riunione di ieri del Gal Piceno nella quale che ha riunito i soci pubblici e privati per l’approvazione del bilancio consuntivo 2019. “Dati e statistiche alla mano – spiega Tassotti che nel Gal ricopre il ruolo di consigliere – il GAL Piceno guidato dal presidente Domenico Gentili ha presentato risultati di assoluto rilievo nella gestione dei fondi (oltre 9 milioni di euro) a beneficio degli oltre 30 Comuni ricadenti nel’area picena dalla montagna alla costa. Non solo il Presidente Gentili ha raggiunto tutti gli obiettivi, ma il GAL da lui diretto ha beneficiato anche di una “premialità” regionale, cioè di un fondo aggiuntivo per i GAL che si sono distinti per capacità ed efficienza di ben € 940.000,00 che consente di soddisfare tutte le domande ritenute ammissibili”.

“I risultati del Presidente Gentili – continua – sono stati evidenziati anche dai raffronti con gli altri Gruppi di Azione Locale dove, su una media nazionale di sessantamila euro ad istanza, il Piceno ha concesso ottantamila euro. Il bilancio è stato approvato all’unanimità con tanto di applauso. Poi, senza motivazione alcuna, è stata presentata una lista per cacciare il presidente Gentili e sostituirlo con l’ex deputato Luciano Agostini, votato a maggioranza”. Unica voce a sostegno dell’operato di Gentili è stata proprio quella del rappresentante del Comune di Montalto Marche che ha stigmatizzato “come non esista nella storia un simile precedente in cui si emette una sentenza di condanna, non per incapacità, inefficienza, negligenza o colpa, ma per un impegno egregio e totale a vantaggio di un territorio piceno bisognoso di cura e attenzione. Agostini gli aveva comunicato al mattino che non avrebbe accettato una nomina se non all’unanimità; evidentemente ci ha ripensato, malgrado non fosse nemmeno presente. Prima Sindaco di Offida, poi Assessore Regionale, poi Parlamentare, ora Presidente del GAL Piceno, a maggioranza. Una parabola agli occhi di molti alquanto squalificante per come si è conclusa. E non vengano a dirci che è per spirito di servizio”.

soriano 250

Ultime notizie

bakkano 250

TI CONSIGLIAMO NOI…