mercoledì 1 Dicembre 2021 – Aggiornato alle 01:12
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print

Ultime notizie

Lo Sport

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

salone bio 2
Parla il primo cittadino

Spazzafumo: “L’unione fa la forza. Sento aria fresca, voglio essere il simbolo del cambiamento”

Il neo sindaco affiancato da numerosi amministratori del Piceno in occasione della festa in piazza Giorgini
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print
centrotermica 250
SAN BENEDETTO DEL TRONTO
salone bio 2

“Sinergia”. Antonio Spazzafumo ripete questo concetto a più riprese nel corso dell’intervento a margine della festa elettorale di piazza Giorgini. Il neo sindaco fa riferimento alla collaborazione necessaria tra i comuni del Piceno per poter ampliare opportunità e la possibilità di intercettare finanziamenti. “Se continueremo ad essere sparpagliati non otterremo niente. Dobbiamo unirci e pensare in grande. Non si può pensare al proprio orticello. L’unione fa la forza”.

Per rafforzare l’idea, Spazzafumo chiama sul palco undici amministratori del territorio. Al suo fianco appaiono quindi i primi cittadini di Grottammare, Monteprandone, Offida, Montalto, Carassai, Massignano, Acquaviva, Spinetoli, Rotella, Montegallo e Castorano. “Fioravanti non è riuscito a venire, ma lo incontrerò in settimana”, precisa il numero uno di viale De Gasperi.

Spazzafumo torna indietro con la mente allo scorso gennaio, quando decise di accettare la sfida e scendere in campo: “Sono stati undici mesi duri e ho lavorato molto sulla squadra. Ho sempre cercato di proteggere la coalizione, provando a fare una campagna elettorale diversa. Ho cercato di non essere invadente, volevo dare un cenno di cambiamento, un senso di leggerezza”.

Il sindaco conferma la volontà di soffermarsi sul decoro e sulla pulizia, ma in tal senso lancia un appello ai cittadini: “Ho bisogno di voi, sindaco e assessori da soli non possono cambiare le cose, tutti dobbiamo essere innamorati di San Benedetto. Non ho la bacchetta magica, ma sono convinto che i sambenedettesi cominceranno a fare il loro dovere. Sento un’aria fresca, voglio essere il simbolo di questo cambiamento. Questa voglia che sento va messa in campo. Da lunedì cercheremo di sistemare immediatamente le criticità, però vorrei che tutti ricominciassimo a riprenderci la città. Non si può pensare che la spazzatura possa essere gestita come oggi, si devono seguire le regole. Non si può gettare l’immondizia ovunque, va fatta la differenziata, dobbiamo amare questa città”.

agriturismo le senapi

Ultime notizie

spadu

TI CONSIGLIAMO NOI…