Procedimenti disciplinari e querele con soldi del Comune. Il Pd si rivolgerà alla Corte dei Conti

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Procedimenti disciplinari, querele, spostamenti di dipendenti. Il Partito Democratico annuncia un esposto alla Corte dei Conti sui soldi spesi dal Comune per vicende giudiziarie e procedimenti vari. Dal circolo Nord il portavoce Nicola Rosetti parla di “situazione paradossale” puntando il dito contro il sindaco Pasqualino Piunti: “Agisce senza un minimo di buonsenso – afferma – ma continua a tirare fuori sentimenti carichi di rancore, di rivalsa, ma anche di arroganza e di prepotenza, sempre alla ricerca di occasioni per poter consumare vendette. Ecco come leggere i tanti procedimenti disciplinari, ma anche gli spostamenti di dipendenti fatti all’interno dell’Ente”.

“Azioni – continua Rosetti – che sono costate inizialmente ai singoli in termini personali, ma che poi sono “costate” soldi al comune in quanto quest’ultimo è stato chiamato a risarcire o a transare. Naturalmente il vero responsabile si è sempre nascosto dietro agli altri e pensa che la partita sia finita, ma non è così, noi ci faremo promotori di tutte le denunce innanzi la Corte dei Conti e sono tante”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA