Pd, l’assemblea ufficializza l’addio di Alfonsi. Subito un commissario in attesa del congresso

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ durata 1016 giorni l’avventura di Edward Rino Alfonsi alla guida del Pd di San Benedetto. Le dimissioni dell’ormai ex segretario sono state ufficializzate lunedì sera dall’unione comunale, chiamata ora a guardare al futuro.

La soluzione, così come avvenne nell’estate del 2016 dopo l’abbandono di Sabrina Gregori, sarà quella della nomina di un commissario che avrà il compito di traghettare il partito al congresso. In tal senso si svolgerà una nuova assemblea a breve che individuerà un reggente capace di affrontare l’imminente scoglio delle elezioni regionali.

La riunione è stata lunga e si è conclusa ben oltre la mezzanotte. Gli intervenuti hanno ringraziato Alfonsi per il lavoro svolto, anche se la mozione di sfiducia che pendeva sulla sua testa dipingeva una chiara fotografia sugli umori all’interno del mondo dem.

Alfonsi fu eletto nell’aprile del 2017 e si trattò di una sfida senza avversari, essendo lui l’unico candidato in corsa. L’affluenza fu del 72% e l’incoronazione avvenne col 61,4% dei consensi ricevuti. Per l’individuazione del suo successore difficilmente si pescherà tra i consiglieri comunali in carica.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI