lunedì 5 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 14:34
lunedì 5 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 14:34

Nuovo ospedale, Pasquali: “L’ipotesi migliore era Monteprandone. A Ragnola si resterebbe dentro la città”

Il timore di Pasquali è che, scartando le varie ipotesi, la scelta possa infine ricadere nell’area Brancadoro: "A quel punto meglio ristrutturare il Madonna del Soccorso"
senduicceri

SAN BENEDETTO DEL TRONTO
“Un tempo era centrale il discorso del bacino d’utenza, ora invece l’unica condizione è realizzare la struttura a San Benedetto”. Umberto Pasquali dice la sua sul tema della costruzione del nuovo ospedale, dopo che in commissione sanità è emerso che la location favorita risulta essere quella di Ragnola.

Una zona scomoda per il consigliere comunale del gruppo misto, soprattutto per la vicinanza con la scuola. “Lasceremmo un ospedale dentro la città per passare ad un altro ospedale sempre dentro la città – spiega – a mio avviso la soluzione migliore sarebbe stata quella di Monteprandone, di cui nessuno però ha più parlato”.

Il nuovo nosocomio sorgerebbe su quattro piani, per un totale di 250 posti letto ed un costo di 93 milioni, ai quali aggiungere la spesa per l’acquisizione del terreno.

Il timore di Pasquali è che, scartando le varie ipotesi, la scelta possa infine ricadere nell’area Brancadoro Meglio allora, a quel punto, restare dove si è oggi: “Alla fine basterebbe ristrutturare e potenziare con mezzi e medici il Pronto Soccorso del Madonna del Soccorso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PUBBLICITA’

onova 250
infinito 250

TI CONSIGLIAMO NOI…