Muzi prende il pennello e copre gli scarabocchi dei bagni pubblici

Print Friendly

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nella giornata di ieri il Consigliere Comunale Stefano Muzi di Forza Italia ha dedicato qualche ora del proprio tempo libero per contribuire a ritinteggiare del colore originario le pareti esterne del locale che ospita i bagni pubblici nei pressi dell’area verde in Via Pasqualetti, imbrattate da scritte e graffiti di vernice.

Un ritorno alle origini per il consigliere di maggioranza che già nel 2015 aveva promosso in città la prima giornata della pulizia, in cui furono rimossi da viale Moretti e da via Mare a Porto D’Ascoli un notevole numero di locandine pubblicitarie abusive, affisse sui pali della luce o sulle centraline elettriche.

“Ancor prima come cittadino – spiega Muzi – ritengo la battaglia contro il degrado dei beni pubblici una priorità per una realtà ad intensa vocazione turistica come San Benedetto. Questo simbolico gesto é stato compiuto nell’ottica della diffusione del comune senso civico, all’insegna del principio costituzionale di sussidiarietà. Spero che le pareti possano rimanere pulite a lungo, ed a chi si interroga sull’ utilità di riverniciare un edificio costantemente bersagliato dai vandali rispondo che sarebbe come chiedersi il perché ci si deterge i denti dopo ogni pasto, anche se si è consapevoli che si riutilizzeranno per mangiare nel giro di un piccolo frangente temporale”.

CONDIVIDI