domenica 26 Settembre 2021 – Aggiornato alle 00:11

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

PUBBLICITA’ ELETTORALE

bottiglieri 400

Mangialardi: “Le Marche hanno perso una grande occasione. Faremo un’opposizione severa”

"Dovremo approfondire le ragioni di questa sconfitta, che non possono essere assolutamente affidate a una superficialità da social network"
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print

PUBBLICITA’ ELETTORALE

muzi 400

PUBBLICITA’ ELETTORALE

spazzafumo 250
spazzafumo 550
onova 250

ANCONA – Il giorno dopo la sconfitta Maurizio Mangialardi torna a parlare: “Ho vissuto una campagna elettorale entusiasmante, girando in lungo e in largo le Marche, da nord a sud, dalla costa all’Appennino, incontrando tante realtà imprenditoriali che tra mille difficoltà lottano ogni giorno per creare lavoro e ricchezza, associazioni del volontariato che svolgono quotidianamente la loro generosa azione per far sì che nessuno sia mai lasciato indietro, organizzazioni culturali e ambientaliste impegnate costantemente a promuovere la bellezza del nostro patrimonio artistico e del nostro paesaggio”.

Il candidato del centrosinistra riconosce che la strada per la vittoria era in salita: “Sapevamo di essere di fronte a una sfida difficile, ma l’abbiamo affrontata con la consapevolezza di avere nelle nostre mani la ricetta giusta per dare le risposte che i marchigiani attendono da anni. Evidentemente non è bastato e ora dovremo approfondire le ragioni di questa sconfitta, che non possono essere assolutamente affidate a una superficialità da social network. Dispiace perché sono convinto che le Marche abbiano davvero perso una grande occasione”.

Mangialardi si rivolge infine a Francesco Acquaroli: “Non resteremo passivi di fronte alle quelle decisioni che riterremo lesive degli interessi delle Marche e svolgeremo con serietà e competenza il ruolo di opposizione che i cittadini ci hanno affidato. Saremo molto severi e integerrimi nel controllare come i vaghi auspici e le grandi promesse che hanno permesso alla destra sovranista e populista di vincere verranno tradotte in proposte concrete: dalla riapertura degli ospedali al reperimento delle risorse per sanare i ritardi infrastrutturali, dall’immediata ricostruzione delle aree terremotate al rilancio del nostro tessuto produttivo”.

carpe diem 250

PUBBLICITA’ ELETTORALI

facchini larovere
carmine chiodi
canducci 250

Ultime notizie

TI CONSIGLIAMO NOI…