Macerie all’Agraria, l’Arpam scrive alla Procura: “Non rileviamo amianto”

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Le strumentazioni non rilevano l’amianto. O meglio, se tra le macerie dovesse esserci amianto è in quantità talmente ridotta da non essere rilevato dalle strumentazioni. E’ quanto afferma l’ingegner Fabrizio Martelli, responsabile del servizio territoriale dell’Arpam alla Procura della Repubblica di Ascoli relativamente le macerie del terremoto che vengono lavorate all’Agraria e per le quali, nelle ultime ore, la trasmissione Striscia la Notizia ha mandato in onda un servizio dopo essere stata sollecitata dai cittadini residente della zona (CLICCA QUI).

“Le risultanze analitiche – scrive nella comunicazione inviata alla dottoressa Cinzia Piccioni e datata 4 gennaio l’ingegner Martelli – mostrano una concentrazione di fibre di amianto inferiore al limite di determinazione della metodica analitica utilizzata”. Gli esami erano stati effettuati nella giornata del 7 dicembre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI