Luci “riscoperte” al Paese alto di Cupra, l’ex sindaco Brutti: “Bravo Piersimoni, ora vengano sistemate le mura Ovest o Marano rischia di perdere la sua bellezza”

Print Friendly, PDF & Email

CUPRA MARITTIMA – La notizia della riattivazione della vecchia linea di illuminazione del muro di Marano, a Cupra, non è passata inosservata. Soprattutto all’ex sindaco Gaetano Brutti. Fu proprio la sua amministrazione comunale a realizzare quel progetto nella seconda metà degli anni Novanta. “Si tratta di una realizzazione che fu fortemente voluta dal consigliere Marco Marcantoni” ricorda l’ex primo cittadino.

“Il progetto – continua – fu allora realizzato e molto apprezzato (chi ha i capelli bianchi lo ricorda bene) ma , in seguito inspiegabilmente lasciato all’incuria dalle miopi amministrazioni che si sono succedute. Il nostro Paese Alto aveva fatto un salto di qualità e il profilo illuminato delle sue suggestive mura si poteva ammirare anche a chilometri di distanza. Mi congratulo con l’attuale sindaco Alessio Piersimoni per questa opera di ripristino e colgo l’occasione per sollecitare codesta amministrazione a provvedere,per quanto possibile, in tempi brevi alla sistemazione delle mura perimetrali ( lato ovest ) che, a suo tempo,mettemmo in sicurezza con interventi alla base e con tiranti di acciaio. Credo infatti  che i provvedimenti presi  più. di venti anni fa, siano da riproporre per garantire la futura stabilità delle mura. Penso infine che la mancanza di un intervento tempestivo sarebbe un errore imperdonabile, perché l’antico borgo di Marano perderebbe per sempre gran parte delle sue caratteristiche e della sua storica bellezza che non è inferiore a quella di vecchi incasati del circondario dove gli sforzi di pubblico e privati hanno dato buoni frutti”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA