Lo scuolabus costerà 120 euro l’anno. 30% di sconto per il secondo figlio

Print Friendly





SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Tutto confermato. Lo scuolabus sarà a pagamento e dal prossimo settembre costerà 120 euro l’anno. Lo ha deciso la maggioranza, ribadendo la volontà di allinearsi con gran parte dei comuni della provincia.

Nei giorni scorsi, l’assessore alle Finanze Andrea Traini aveva parlato di scelta coerente col principio di equità: “Tutti gli altri servizi si pagano, non si capisce come mai solo il trasporto scolastico debba essere gratuito”.

Il servizio costerà 3 euro a settimana, quindi 12 al mese. Esenzione totale per i nuclei con Isee inferiore a 7 mila euro, mentre alle famiglie che iscrivono più di un bambino si garantirà uno sconto del 30% per il secondo figlio e del 50% per il terzo. L’incasso previsto supererebbe così i 70 mila euro.

Per l’anno scolastico 2016-2017 le richieste sono state 1236 (tetto massimo), ma i fruitori effettivi si sarebbero fermati a 700. Con l’istituzione del ticket si è calcolato un abbassamento a 600-650 unità, con una cinquantina alunni aventi diritto ad una riduzione delle tariffe. L’amministrazione conta pertanto di recuperare quegli utenti che avrebbero voluto iscriversi presentando però la domanda dopo il 30 giugno. “Intendiamo alleggerire il carico di 500 mila euro che veniva spalmato su tutti i contribuenti”, dice l’amministrazione in una nota. “In questo modo si potrà ottenere una razionalizzazione delle modalità di svolgimento del servizio che finora ha visto, proprio a causa della gratuità, un dilagante fenomeno di prenotazioni disattese e purtuttavia pagate dal solito pantalone. Del risparmio che si otterrà beneficerà il bilancio comunale e, in ultima analisi, l’intera cittadinanza”.

Si tratterà comunque di un anno di prova, in attesa della scadenza dell’appalto con la società di riferimento fissata nel 2018. Se davvero si restringerà il numero dei passeggeri, allo stesso tempo diminuirà il numero dei pulmini utilizzati. A quel punto si potrà ridiscutere il contratto al ribasso.



CONDIVIDI