Libera San Benedetto, Falco: “Io resto coerente. De Vecchis con Urbinati? Quando ti sembra di averle viste tutte…”

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “In bocca al lupo, mi auguro che quella di Giorgio non sia stata una scelta azzardata. Ma chi sono io per giudicare?”. Rosaria Falco commenta così la nascita di Libera San Benedetto, la lista che correrà alle prossime amministrative di San Benedetto e che vedrà tra i principali sostenitori anche De Vecchis. L’esponente del gruppo misto non intende polemizzare, tuttavia non rinuncia ad un’ampia riflessione politica, tenendo soprattutto conto delle recenti battaglie condotte sul tema della sanità: “Non sono stupita più di tanto. Prima ci sentivamo spesso, poi prima delle regionali è uscito dal comitato. Dopo le elezioni ci siamo sentiti un paio di volte. Ho capito che non c’è mai nulla di cui stupirsi, quando ti sembra di averle viste tutte ne accade una più sorprendente”.

La questione gira tutta attorno ai renziani e alla figura di Fabio Urbinati: “Quello non può essere un posto per me. Non mi hanno interpellata, ma sanno benissimo che la stessa coerenza che uso nella vita la dimostro pure in politica. Con Capriotti ho condotto diverse battaglie, ha firmato assieme a noi delle denunce, non posso dire nulla. Però il suo riferimento sul territorio è e rimane sempre Fabio, anche se dice di rimanere di lato. Pure De Vecchis non aveva una grandissima opinione di Urbinati. Non hai perso occasione di sparare contro il comitato negli ultimi due anni. Non ho un astio personale, mi interessa il lato politico e a mio avviso è inaffidabile. Ho sempre detto no ad Urbinati, così come ribadisco che non appoggerei Piunti”.

Sui punti in comune che potrebbero trovare i promotori della civica, la Falco è assai scettica: “La mozione sull’ospedale la votammo tutti, compreso il sindaco. Inoltre, amministrare una città è diverso dall’organizzare la festa della Madonna della Marina per pochi giorni, c’è una abissale differenza. Credo che sarà un’impresa, vedremo se questo progetto piacerà alla città”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA