“Lavorare, lavorare, ma con i diritti”. Incontro sul lavoro stagionale davanti al monumento di Nespolo

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sabato 27 luglio alle 11.00 presso il Lungomare Nord di San Benedetto del Tronto, nei pressi del monumento Nespolo, meglio conosciuto come “lavorare lavorare”, andrà in scena il dibattito pubblico organizzato dalla Filcams-Cgil e Flai-Cgil Ascoli Piceno, con il sostegno della CGIL Provinciale, “Lavorare, lavorare, lavorare? Si con i diritti, e il rumore del mare. La filiera dei diritti: dal produttore al consumatore”. A moderare il dibattito sarà presente Mario Di Vito, giornalista de “Il Manifesto”. Hanno confermato la presenza le associazioni datoriali invitate: CNA, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, che saranno presenti con i loro Presidenti Provinciali, rispettivamente: Luigi Passaretti, Natascia Troli , Fausto Calabresi e Sandro Assenti. A concludere i lavori saranno presenti Cristian Sesena, della Filcams Cgil Nazionale, e Andrea Coinu, della Flai Cgil Nazionale.

“Una occasione di grande importanza per lanciare una idea diversa del turismo in questo territorio” – commenta Luana Agostini della Filcams-Cgil Ascoli Piceno. “Un confronto che aspettavamo da tempo e siamo contenti di svolgere nell’ambito della campagna che la Filcams Nazionale promuove per far conoscere i diritti dei lavoratori stagionali “Backstage”. L’iniziativa infatti sarà preceduta da un volantinaggio sul lungomare per far conoscere diritti a lavoratori e bagnanti.”

Daniele Lanni della Flai Cgil Ascoli Piceno spiega: “Un confronto di grande importanza che tiene insieme i temi che in questi giorni sono stati al centro del dibattito, ma anche come rilanciare una filiera integrata tra il settore della trasformazione alimentare sino al turismo balneare. Un tema centrare per i nostri lavoratori, che vogliono lavoro di qualità, garantito, dai campi dove si raccolgono i nostri prodotti, sino alla spiaggia dove si servono.” Barbara Nicolai, Segretaria Generale della CGIL Ascoli Piceno commenta: “Un dibattito utile a rilanciare un’idea diversa di sviluppo per il settore dell’agro-alimentare e del turismo. Questo territorio ha ancora grosse difficoltà che vanno superate, perché i lavoratori e le lavoratrici meritano un futuro migliore, di crescita e sviluppo, nel pieno rispetto dei loro diritti.”

 

CONDIVIDI