domenica 29 Maggio 2022 – Aggiornato alle 01:26

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Politica

Impianti sciistici, Loggi: “All’incontro su monte Piselli nessuno ha invitato la Provincia”

Il presidente: "Si prende atto dei fondi che la Regione Marche ha destinato al comprensorio dei Monti Gemelli, risorse importanti ma meno cospicue rispetto ad altri siti sciistici montani regionali"
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print
ASCOLI PICENO

“Alla riunione sugli impianti sciistici di monte Piselli nessuno ha invitato la Provincia”. Lo afferma il presidente Sergio Loggi riferendosi al vertice avvenuto nel corso del fine settimana. “Si auspica per il futuro un maggior coinvolgimento della Provincia di Ascoli Piceno che non è stata chiamata ad intervenire all’incontro – afferma infatti Loggi -. L’Ente Provincia è, infatti, uno dei soci fondatori e di maggioranza del Consorzio Turistico dei Monti Gemelli e quindi nell’incontro dei giorni scorsi avrebbe potuto fornire un ulteriore e concreto contributo istituzionale. Mi risulta, inoltre, che negli anni la Provincia è sempre stata in prima linea per sviluppare questa importante risorsa della montagna al servizio di due province e di due regioni. In particolare, il nostro Ente si è reso negli anni disponibile ad attivare le migliori sinergie con tutti i soggetti coinvolti. Siamo pronti ancora con determinazione a fare la nostra parte nella programmazione e nelle iniziative progettuali che verranno intraprese per il potenziamento e il miglioramento degli impianti e delle strutture ricettive e logistiche di un comprensorio che l’Amministrazione Provinciale ritiene strategico per il futuro dell’intero territorio.” 

“Si prende atto – continua Loggi – dei fondi che la Regione Marche ha destinato al comprensorio dei Monti Gemelli, risorse importanti ma meno cospicue rispetto ad altri siti sciistici montani regionali. Certo la Provincia ben comprende che il Consorzio dei Monti Gemelli è un ambito molto particolare essendo un territorio di confine e interregionale. Tuttavia, risulta necessario attivare ogni possibile strumento finanziario e progettuale a beneficio di tutte le comunità locali coinvolte. Auspichiamo quindi anche una  fattiva collaborazione con la Regione Abruzzo e la Provincia di Teramo al fine di prevedere e  convogliare specifiche risorse per un’area che ha molteplici potenzialità di sviluppo turistico e occupazionale. Sono convinto che il rilancio della zona dei Monti Gemelli può essere garantito dalla circostanza che tutti gli Enti, ognuno per le proprie competenze, faccia la propria parte. In questa prospettiva la Provincia di Ascoli Piceno si impegna, come ha sempre fatto, a lavorare e collaborare con tutti i soggetti preposti. Si tratta di mettere in campo uno sforzo progettuale e di pianificazione straordinario anche data l’urgenza di non perdere l’opportunità di utilizzare i finanziamenti del Pnrr ed ogni altra possibile fonte di finanziamento”. 

circolo sambenedettesi

Ultime notizie

spadu

TI CONSIGLIAMO NOI…