Il corteo per l’ospedale mette in crisi il Pd. Rivolta contro il segretario Alfonsi

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La manifestazione sull’ospedale in programma sabato prossimo spacca il Partito Democratico. E non è una frattura da poco, considerato che a smentire il segretario locale Edward Alfonsi sono il suo vice, Pier Giorgio Giorgi, e i tre segretari di circolo Daniela Bigossi, Roberto Giobbi e Claudio Benigni.

Se Alfonsi è favorevole alla partecipazione al corteo, di tutt’altro avviso sono gli altri dem, che parlano di “posizione arbitraria” assunta in autonomia.

“E’ una manifestazione palesemente strumentalizzata dalla destra sambenedettese del sindaco Pasqualino Piunti e del suo vice Andrea Assenti per fini elettorali e che ha come unico scopo quello di attaccare politicamente il centrosinistra e il governo della Regione”, dicono i quattro.

“Riteniamo che sia davvero incomprensibile la decisione assunta dal segretario dell’Unione Comunale non solo perché contraddice l’unico documento votato dall’Assemblea Provinciale sul tema della sanità Picena, ma anche e soprattutto perché orfana di un qualsiasi dibattito avvenuto all’interno dell’organismo di partito da lui presieduto. In verità a suo tempo l’Unione comunale avallò la posizione del Partito Provinciale confermandola con un proprio documento”.

Quindi parte l’avvertimento: “Diffidiamo inoltre il Segretario Alfonsi dal prendere parte ad un’iniziativa contraria alle posizioni espresse da tutti gli organi del nostro partito. Rimaniamo a disposizione del Comitato Salviamo il Madonna del Soccorso e dei cittadini per migliorare la sanità pubblica di San Benedetto del Tronto e del nostro territorio”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI