Grottammare, strage di multe con il Photored. Il gruppo Grottammare Città Unica: “Garantiamo assistenza legale”

Print Friendly, PDF & Email

GROTTAMMARE – Il gruppo Grottammare Città Unica lancia una petizione contro il Photo-Red ai semafori di Grottammare. “Garantiamo assistenza legale – spiega il capogruppo in consiglio Lorenzo Vesperini – con tutte le norme giurisprudenziali dinanzi al Giudice di Pace o Prefetto per annullare l’atto, restituendo punti patente e sanzioni ingiustamente richieste.

Lo stesso Vesperini ricorda come “già nel 2016 avevamo denunciato che all’interno del regolamento c’era una chiara volontà politica di utilizzare impropriamente il termine videosorveglianza per poter installare i Photored che non sono altro che foto-trappole che non garantiscono la sicurezza stradale. Viste le molteplici proposte da noi avanzate siamo pronti a difendere il diritto di ogni cittadino, mettendo tutti a conoscenza che all’art. 2 comma c del regolamento comunale votato e approvato da “ Solidarietà e Partecipazione” descrive espressamente il fine ultimo dei photored, che non tutela la sicurezza stradale, ma solo quello di far cassa a spese dei cittadini”.

Vesperini parla di “imposizione da parte del gruppo Solidarietà e Partecipazione” e che “l’installazione dei dispositivi non è mai stata mostrata in campagna elettorale nel programma 2018-2023. Condizione grave è che nelle diverse riunioni con i quartieri mai è stato spiegato il funzionamento ai cittadini , evidenziando in tal modo che il solo interesse era quello di creare disinformazione per multare migliaia di famiglie e incassare ingenti somme di denaro dalle multe. Viene spontaneo chiedere se siamo un popolo di indisciplinati, non rispettosi del codice della strada, oppure se il Photored in caso di mancato arresto, oltrepassando lo stop, ma rispettando il semaforo rosso, applica impropriamente la sanzione all’articolo 146 comma3 che prevede 167 euro e 6 punti patente e che se commessa due volte nell’arco di 2 anni comporta la sospensione della patente”.

Il gruppo Grottammare Città Unica si rivolge ai cittadini fornendo alcuni consigli: “Non oltrepassare mai la linea di stop posta a terra a semaforo rosso e non mettersi mai in coda a cavallo del semaforo, Nel caso di una canalizzazione col doppio semaforo non cambiare corsia se scatta il verde nell’altra”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA