lunedì 5 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 14:42
lunedì 5 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 14:42

Europa Verde, nominato il nuovo direttivo. Stilato il programma: “Folle il progetto dei parcheggi sull’Albula. Sì a targhe alterne e domeniche a piedi”

Sul Ballarin: "Non c’è stato nessun tipo di condivisione, di partecipazione, di riflessione pubblica"
mister jones

SAN BENEDETTO DEL TRONTO
Domenica 6 Novembre presso l’Ex Cinema delle Palme è stato nominato il nuovo direttivo di Europa Verde, che sarà composto da Virginia D’Angelo e Pietro Canducci (co-portavoci), Alessandra Pistonesi, Patrizia Antonelli e Oliver Panichi.

“La riunione, oltre alla formale votazione, ha visto la descrizione del  programma di mandato che avrà il duplice obiettivo di radicare sempre più il partito nella città, soprattutto dopo l’ottimo risultato alle ultime elezioni cittadine, e focalizzarsi sulla costante analisi delle problematiche che riguardano San Benedetto e i sambenedettesi”.

Tra queste l’assemblea ha immediatamente approfondito quelle di maggiore attualità, come il Ballarin, l’Albula e la mobilità sostenibile.

Sull’ex stadio la riflessione è stata unanime: “Non c’è stato nessun tipo di condivisione, di partecipazione, di riflessione pubblica su un progetto che non riguarda solo un quartiere ma che è centrale per la rinascita ed il futuro – anche turistico – della nostra città. Quell’area, per come è inserita nel contesto urbano locale, è strategica e dovrà essere riqualificata e trasformata in un vero e proprio parco urbano attrezzato, fruibile dall’intera comunità e contemporaneamente dialogante con la limitrofa area portuale ed il centro cittadino. In nessun caso si appoggeranno soluzioni che trasformino il Ballarin nell’ennesima “rotatoria” attrezzata a verde”.

Riguardo all’Albula si parla di “anacronistico progetto faraonico”. Spiegano i Verdi: “In un momento in cui l’Europa, il mondo intero vanno verso lo svuotamento dei centri cittadini dalle auto con il conseguente miglioramento della qualità della vita e della salute cittadine, San Benedetto del Tronto e la sua lungimirante amministrazione propongono di spendere quasi 10 milioni di euro per cementificare il torrente e farlo diventare un parcheggio per 500 auto. Una follia. Per i Verdi il futuro di quell’area è la rinaturalizzazione dell’alveo trasformandolo in uno spazio da vivere nel tempo libero e riconsegnando a quella parte della città, molto popolosa ma priva di spazi aggregativi, un luogo aperto e vivibile. Progettare lì un mega parcheggio significa non guardare al futuro ma tornare indietro di 30 anni”.

Infine la mobilità sostenibile: “Si deve aprire un confronto serio in città: iniziative quali le targhe alterne, le domeniche a piedi, la chiusura del lungomare, una stretta contro i mezzi più inquinanti fino ad arrivare ad una programmazione di lungo periodo incentrata sulla ztl in centro, le zone 30, l’approvazione di un Biciplan, il Bike sharing. Una precisa e concreta visione di lungo periodo volta a fare di San Benedetto una vera città sostenibile, sostenibilità che va messa al centro anche di un diverso e più organico sviluppo economico”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PUBBLICITA’

salute 23
ecorigenerati 250

TI CONSIGLIAMO NOI…