Elezioni, Cambia San Benedetto si siede per la prima volta al tavolo col Pd. Prioritaria la questione urbanistica

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Cambia San Benedetto si siede per la prima volta al tavolo allargato del centrosinistra guidato dal Pd. La lista che ingloba Rifondazione Comunista e Sinistra Italiana ha infatti partecipato alla riunione da remoto tenutasi lunedì sera. Oltre ai dem, presenti anche i membri di Verdi-Rinasci Marche, Centro Civico Popolare, Articolo Uno, Socialisti e Nos.

“Cambia San Benedetto ci ha chiesto innanzitutto di misurarsi sul tema del consumo di suolo”, spiega il segretario Pd Claudio Benigni. “Consci della complessità del tema urbanistico che non poteva di certo essere esaurito in un singolo incontro, il tavolo ha condiviso una posizione unanime e contraria rispetto alle molteplici varianti urbanistiche proposte dell’amministrazione Piunti, e discusse nella più totale assenza di una qualsivoglia pianificazione urbanistica”.

Giorgio Mancini, in qualità di rappresentante del movimento, si è riservato di coinvolgere la propria assemblea al fine di predisporre una proposta emendativa propedeutica alla sottoscrizione del Patto Solidale e Democratico per San Benedetto. “Un primo ma significativo passo avanti rispetto all’obiettivo di costituire una nuova esperienza politica”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA