Dimissioni Assenti, Capriotti: “In campagna elettorale da quattro anni. Sulla piscina stendiamo un velo pietoso”

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Andrea Assenti si dimette e Tonino Capriotti punge l’ormai ex assessore. “E’ in campagna elettorale da quattro anni”, afferma il consigliere comunale di Italia Viva. “Non ho ancora ben capito quali sono le opere che sono state realizzate dall’inizio del mandato ad oggi. Anche quando parla di quelle fatte fa riferimento ad opere da fare: il lungomare, la scuola Ferri, gli asfalti. A proposito di quest’ultimi, dovevano essere fatti tre anni fa e invece ancora non si vede nulla. Mi spiace soprattutto per la città che dal 2016 è completamente ferma”.

Non può mancare il riferimento alla piscina, con lo stesso Assenti che ha manifestato rammarico per l’annullamento del project. “Stendiamo un velo pietoso – insiste Capriotti – se volevano fare il bagno a giugno 2017 bastava mettere a norma la vasca scoperta. In Comune giace un progetto, bastava prendere quello e cercare i finanziamenti. Per lo sport ce ne sono tanti, basta vedere quello che hanno fatto i comuni vicini”. Ed ancora: “Ci sarebbe molto da commentare, dalla ztl al Paese Alto a piazza Montebello, promesse dall’inizio ed ancora da fare. Gli faccio tanti auguri e soprattutto gli auguro di essere più concreto nell’attività politica”.

Capriotti però esprime anche elogi nei confronti dell’avversario: “Nonostante le punzecchiature reciproche che i ruoli diversi ci costringono ad avere voglio però riconoscere in Assenti un interlocutore piacevole ed educato, nei nostri numerosi scontri è sempre restato sulla politica e non è mai scaduto in attacchi personali, cosa non sempre scontata. È stato un piacere confrontarsi”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA