domenica 1 Agosto 2021 – Aggiornato alle 09:43

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

PUBBLICITA’ ELETTORALE

muzi 250

Degrado e sporcizia sotto la sopraelevata: “Il Comune intervenga, al quartiere servono parcheggi”

Interrogazione di Curzi e Falco sullo stato dell'area di via del Cacciatore a Porto d'Ascoli
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print

PUBBLICITA’ ELETTORALE

canducci 400

PUBBLICITA’ ELETTORALE

muzi 550
gastronomica 250

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “L’amministrazione sistemi l’area sottostante la sopraelevata”. Lo chiedono Marco Curzi e Rosaria Falco, promotori di un’interrogazione che verrà discussa nel prossimo consiglio comunale.

La zona è in stato di totale abbandono e mostra sporcizia e degrado. L’area è divisa in due dalle rampe di accesso presenti in via del Cacciatore, a nord delle rampe con un unico accesso in via del Cacciatore vicino all’incrocio con via Mare e a sud delle rampe, con accesso in via della Pizzarda ed in via del Passero.

I componenti del gruppo misto ricostruiscono quindi la vicenda, tornando con la memoria all’ottobre del 2016. “Il comitato di quartiere Sentina organizzò un’assemblea pubblica nel corso del quale si affrontò il problema. Furono mostrate delle foto dove erano visibili materiali edili abbandonati ed erbacce. Venne chiesta la pulizia. La provincia si sarebbe occupata della rimozione dei materiali abbandonati mettendo a disposizione 20 mila euro e nei giorni seguenti il materiale fu realmente rimosso. L’anno seguente il Comune non inviò la richiesta e la Provincia ridusse la quota a 10 mila euro”.

Nel 2018, invece, arrivò la risposta negativa di Palazzo San Filippo in seguito al crollo del ponte Morandi. Venne posto l’ordine di chiusura e l’inibizione di ogni attività. Seguirono dei sopralluoghi e si riscontrò un pericolo di distacco di pezzi di cemento.

A quel punto la Provincia mise a disposizione 120 mila euro per la manutenzione e la pulizia delle aree, “ma al contempo – ricordano Curzi e Falco – il Comune avrebbe dovuto restituire alla Provincia, a seguito dell’istituzione a Porto d’Ascoli dell’Ufficio del Lavoro, circa 120 mila euro. Dunque, la somma stanziata dalla Provincia e quella dovuta dal Comune dovevano essere compensate tra loro”.

Il risultato ad oggi è lo scenario visibile a tutti. “La zona affonda nel degrado e la Sentina non dispone dei parcheggi promessi, con grave situazione di sovraffollamento veicolare in estate”.

La minoranza chiede pertanto al sindaco quali intenzioni abbia l’amministrazione e quali tempistiche prevedrebbe un ipotetico intervento.

campanelli 250

PUBBLICITA’ ELETTORALI

barlocci 250
spazzafumo 250

Ultime notizie

felicioni 250

TI CONSIGLIAMO NOI…