Curzi: “La fascia? Mi ha autorizzato il presidente, nessuno mi farà stare zitto”

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Marco Curzi non accetta la critiche e risponde a tono a chi gli contesta di aver indossato la fascia azzurra della Provincia al corteo in difesa dell’ospedale. “Mi ha delegato il presidente. La Provincia è stata invitata, Fabiani non poteva venire e ha delegato me. Si lamentino pure, ma non ho messo la fascia come fosse un giubbotto, mi hanno autorizzato. La Provincia è un ente che, se chiamata, partecipa”.

I detrattori la considerano tuttavia una inaccettabile presa di posizione da parte di un ente che non si sarebbe mai espresso chiaramente sul tema. “Se Ascoli dovesse fare un’altra manifestazione e inviterà la Provincia, il presidente delegherà qualcuno pure in quell’occasione, non ci sarebbero problemi. Sono un cittadino di San Benedetto e un rappresentante provinciale. Se Fabiani mi dice ‘vai’, io vado”.

Prosegue Curzi: “Volevo stare al fianco della popolazione sambenedettese, che ritiene di aver subito dei soprusi sul fronte della sanità. Sono stato fiero, nessun politico mi farà stare zitto, piaccia o meno quello che dico”.

Sulla manifestazione, il consigliere comunale si mostra soddisfatto: “Mille persone è un risultato importante, soprattutto perché svolta di sabato pomeriggio alle 16. L’affluenza non era scontata, abbiamo smentito i gufi. Se la giunta Ceriscioli vorrà venire qui a prendere di nuovo i voti, dovrà cominciare a dialogare con questo territorio”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI