Consiglio scorporato, decide Piunti. L’opposizione: “Difficoltà a svolgere il nostro ruolo”

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’ultima parola spetta al sindaco, ma è ormai certo che il prossimo consiglio comunale verrà sezionato in due parti. Sabato 23 marzo a partire dalle ore 10 tutta l’attenzione sarà rivolta al bilancio di previsione.

La polemica politica si incentrerà soprattutto sull’aumento dei ticket dei parcheggi sul lungomare e della tassa di soggiorno, con un’anteprima della battaglia già andata in scena nel corso delle due commissioni sul bilancio.

L’assise verrà inaugurata dalle interrogazioni. Prima quella di Tonino Capriotti sulle spese delle manifestazioni natalizie, poi quella di Bruno Gabrielli sulla vicenda del mercatino – sempre natalizio – in piazza Cristo Re. Ancora il dem chiederà conto del campo di paddle in fase di realizzazione al centro sportivo Eleonora.

Resteranno fuori invece le mozioni, a partire da quella di Marco Curzi sul funzionamento della sottostazione elettrica, seguita da quelle di Pasqualino Marzonetti sull’istituzione di un cimitero per animali di affezione, di Rosaria Falco sulla soppressione del servizio di risposte alcologiche e di Valerio Pignotti sulla richiesta di potenziamento delle forze dell’ordine.

Il consiglio verrà recuperato nella settimana successiva. Da escludere l’ipotesi di un appuntamento serale, mentre è probabile una convocazione pomeridiana.

Durante la riunione dei capigruppo, l’opposizione ha lamentato la difficoltà nello svolgere il suo ruolo considerate le scarse convocazioni dei consessi che genera il conseguente intasamento dei singoli consigli.

CONDIVIDI