mercoledì 7 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 13:39
mercoledì 7 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 13:39

Conferimento dei rifiuti fuori provincia, l’aumento dei costi allarma il Comune

Si attende a breve un rientro in bacino, con la destinazione a Geta. Si tratterà tuttavia di una soluzione temporanea
euro 3 250

SAN BENEDETTO DEL TRONTO
Il conferimento dei rifiuti indifferenziati fuori dalla provincia di Ascoli Piceno torna ad essere un problema per il Comune. L’allarme è stato lanciato venerdì durante la commissione bilancio, con l’assessore Domenico Pellei che ha ammesso le difficoltà in corso.

Il costo per l’ente è notevolmente aumentato. Tutta colpa del lungo viaggio che deve fare l’immondizia prima di giungere in discarica. Se prima si doveva arrivare a Fano – con costo passato da 95 euro a tonnellata per il conferimento in bacino a 240 euro – di recente ci si è riavvicinati a Fermo, con una spesa di 170 euro a tonnellata.

Si attende a breve un rientro in bacino, con la destinazione a Geta. Si tratterà tuttavia di una soluzione temporanea.

“L’obiettivo – spiega l’assessore all’ambiente Tonino Capriotti – è tornare a Geta per qualche mese, poi andare a Relluce per almeno un paio di anni. Nel frattempo andrà definita una discarica d’ambito”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PUBBLICITA’

salute 23
spadu

TI CONSIGLIAMO NOI…