Capriotti (Pd): “In via Premuda sporcizia e degrado”. Il caso finisce in consiglio

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nel prossimo consiglio comunale del 20 luglio si discuterà anche della situazione di via Premuda, con i residenti che denunciano sporcizia e degrado.

A segnalare la questione al sindaco è Tonino Capriotti: “Non so se le è capitato mai di passare in Via Premuda proseguendo verso le scalette che conducono al torrente Albula. Oltre alla sporcizia ed il degrado, che è evidente, si sente un odore nauseabondo. Dalle dichiarazioni dei residenti non di rado il posto è visitato dai ratti che scendono dalle piante poste sulla via. Sicuramente non sarà l’unico posto della città che ha raggiunto un degrado di questo livello, ma considerata la zona molto transitata da turisti e residenti che dal centro si recano alla spiaggia e viceversa, ritengo indispensabile il vostro intervento. Le numerose segnalazioni e richieste dei cittadini non hanno sortito effetto”.

L’esponente del Pd cita l’articolo 50 del testo unico degli enti locali che pone la responsabilità dell’igiene pubblica in capo al primo cittadino: “E’ chiamato ad adottare le ordinanze contingibili volte a superare situazioni di grave incuria o degrado del territorio e dell’ambiente o di pregiudizio del decoro e della vivibilità urbana. Direi che la norma ben si applica al caso specifico. Chiedo pertanto formalmente un intervento immediato di ripristino e mantenimento del decoro e propongo di intervenire in modo definitivo, o chiudendo quel passaggio o modificandolo, prendendo a modello le altre scalette presenti lungo il torrente Albula”.

CONDIVIDI