spadu top
martedì 16 Aprile 2024
Ultimo aggiornamento 03:31
spadu top
martedì 16 Aprile 2024
Ultimo aggiornamento 03:31
Cerca

Balneari, Ricci: “La questione delle spiagge è solo italiana. Ed è l’Italia che se ne deve occupare”

Il presidente Itb: "“Diritto di superficie con riscatto” la nostra proposta. Noi siamo pronti"

Pubblicato da 

Redazione
 domenica 5 Novembre 2023

Ma quali Pnrr…quale Europa  o Corte di Giustizia, quali avvocati e luminari! Ma soprattutto perché tutto questo  interesse? E’ così grande l’affare …ma per chi?  Tanto grande da scomodare personaggi così importanti che avrebbero ben altro e tanto da fare, piuttosto che occuparsi di questa situazione che  invece andrebbe risolta nella aule del Parlamento Italiano, come è giusto che sia.

La “questione “ Balneari  è solo nostra, è solo Italiana e va risolta senza se e senza ma perché riguarda noi e le nostre famiglie assieme a quelle dei nostri collaboratori  e fornitori, anch’essi italiani, perché noi non siamo Multinazionali!

Nonostante in tutti questi anni  abbiamo avuto continue delusioni e brutte esperienze con la politica italiana, in questo ultimo Governo ci abbiamo creduto, tanto da spingerlo alla vittoria e proprio per questo non sono ammesse altre scuse queste volta. Non potranno permettersi di mandarci sul lastrico, non potranno trovare giustificazione se porteranno alla rovina migliaia e migliaia di famiglie, le nostre!

Quelle stesse famiglie che con il proprio lavoro e con i propri investimenti, di generazione in generazione, hanno da sempre creduto nel settore turistico balneare italiano, così brave da aver contribuito al Pil della nazione con il 13% oltre ad offrire molto impiego. Mancano meno di due mesi, nella migliore delle ipotesi un anno, il 2024  e poi? Studierete un reddito di cittadinanza, o meglio , di povertà per noi balneari?

Noi come Itb Italia, da quel lontano 2009 abbiamo da subito indicato la soluzione “unica”, la  nostra proposta denominata “Limpida” che solo il Sottosegretario del  Mef del tempo Pier Paolo Baretta, capì e condivise ma che la politica, chissà come mai, bloccò immediatamente. Eppure ancora oggi questa proposta sarebbe applicabile e necessaria per non dover elemosinare nulla a nessuno, non dover sottostare ad un Pnrr che di sicuro limiterà il futuro della nostra nazione.

Noi balneari vogliamo ancora essere protagonisti della riscossa italiana dimostrare a tutti che siamo ancora capaci di salvare e salvarci. Per questo, ancora una volta, la nostra proposta così detta “Limpida” ovvero  l’idea di sdemanializzazione o meglio “diritto di superficie con riscatto” delle sole  aree occupate dai manufatti, è la risposta all’annoso problema. Tale proposta inoltre, porterebbe svariati miliardi nelle casse dello Stato ora e negli anni a seguire, considerato che ci sono ancora tanti km di costa ancora non utilizzate, oltre il 65% escluse quelle lacustri e fluviali. Viene meno il principio di scarsità e anzi, ad oggi, le spiagge a disposizione sono sufficienti a soddisfare le richieste  fino ad ora pervenute negli uffici del Demanio pubblico.

E allora cosa aspettare ancora? Con la nostra proposta “ Limpida”  non cambierebbe nulla e tutto resterebbe così come è la situazione attuale, magari con le stesse regole e disposizioni di sorta senza dover passare per le aste.

Certo, dovremmo ancora indebitarci per riscattare le nostre imprese ma una volta fatto ciò, allora diventeremmo davvero Imprenditori Turistici Balneari come avrebbero sicuramente voluto i nostri predecessori, quelli che hanno inventato il turismo balneare italiano.

“Diritto di superficie con riscatto” la nostra proposta. Noi siamo pronti, ma da subito perché siamo già in zona Cesarini, cosa aspettiamo? Il triplice fischio finale dell’arbitro?

© LA NUOVA RIVIERA|RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime notizie

fiora
garofano
new edil
kokeshi
jako
coal
lumika

TI CONSIGLIAMO NOI…