giovedì 8 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 17:58
giovedì 8 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 17:58

Artisti di strada, nuove regole. Due ore di performance per dieci giorni al mese

La bozza in commissione giovedì. Si discuterà anche della normativa sulle sagre
marina 250





SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Non più di centoventi minuti di performance in un periodo compreso tra il primo giugno e il 30 settembre, dalle 9.30 alle 13 e dalle 17 fino a mezzanotte.

La bozza di regolamento per gli artisti di strada, in vista della prossima estate, si mostra per certi versi meno severa rispetto alle precedenti, che limitavano a sessanta minuti i tempi di esibizione.

Ma se da una parte il Comune concede, dall’altra limita. Ad esempio, lo svolgimento di ciascuna attività non potrà andare oltre le dieci giornate al mese, anche consecutive, nel medesimo luogo o in luoghi diversi. Senza dimenticare che in passato l’avvio della sezione estiva veniva anticipata al 20 maggio.

Per il resto, rimarrà tutto uguale. Non sarà consentito esercitare l’arte di strada nei sottopassi ferroviari, nelle zone limitrofe agli ospedali, ai luoghi di culto ed alle scuole, durante l’orario delle lezioni “quando la stessa rechi danno o pregiudizio alla normale attività di tali servizi”.

Inoltre, gli spettacoli non dovranno impedire la visibilità delle vetrine, né ostacolare gli accessi alle abitazioni, agli esercizi commerciali, artigianali o ad altre attività aperte al pubblico o intralciare la circolazione veicolare o pedonale. Confermato il divieto di utilizzo di animali e l’esecuzione di giochi o attività che possano configurare il reato di gioco d’azzardo o quelle dirette a speculare sull’altrui credulità (indovini, ciarlatani, cartomanti e simili).

Non sarà altresì consentito l’uso di impianti di amplificazione, mentre c’è il via libera per l’uso di strumenti musicali “purché le emissioni sonore non risultino eccessive e non superino i livelli di rumorosità previsti dalla normativa”.

Nessuna rivoluzione nemmeno per quel che riguarda lo svolgimento di sagre e feste analoghe. La priorità verrà data a manifestazioni che promuoveranno prodotti tipici del territorio o alle quali saranno coinvolte imprese locali. Ad ogni modo, nessuno potrà organizzarne più di due all’anno per un periodo massimo complessivo di 5 giorni, dalle 9 all’una di notte. Gli impianti di riproduzione sonora potranno funzionare dalle 9 alle 13 e dalle 17 alle 24, mentre dal 1° luglio al 31 agosto non potranno essere concesse le piazze cittadine destinate a parcheggi, salvo deroghe. La normativa non interesserà gli eventi collegati alle celebrazioni del Santo Patrono e della Madonna della Marina.

Dei due regolamenti si parlerà giovedì in Commissione Commercio e Affari Generali.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

PUBBLICITA’

Avis Sbt 250
stuzziko

TI CONSIGLIAMO NOI…