Acquaviva introduce il baratto amministrativo. Sarà rivolto solo a cittadini e associazioni

Print Friendly, PDF & Email

ACQUAVIVA PICENA – Il consiglio comunale di Acquaviva ha approvato il regolamento che introduce il baratto amministrativo. E’ accaduto nella seduta pre-natalizia del 21 dicembre scorso, con la normativa che non sarà rivolta alle attività commerciali, bensì a cittadini e associazioni.

“Nessuna proposta è stata fatta da parte di chi ci attacca continuamente, perché è più facile attaccare che contribuire con soluzioni costruttive”, afferma il sindaco Pierpaolo Rosetti.

“Per gli operatori economici potranno essere previste altre forme di sgravio. Visto che il tempo è galantuomo, la Deliberazione 27/2018 del Ministero dell’Ambiente ha riaperto in senso positivo la questione dell’utilizzo del Baratto amministrativo per il pagamento dei debiti pregressi, sulla base di alcune sentenze della Corte dei Conti. Potranno accedere al Baratto amministrativo, in relazione alle somme che verranno messe a disposizione a partire dal bilancio 2019, coloro che hanno un Isee inferiore ad 8 mila euro”.

Prosegue il primo cittadino: “Dire che se ci fossero stati altri avrebbero speso meglio i soldi e diminuito le tasse è fin troppo semplice e demagogico”.

CONDIVIDI