domenica 24 Ottobre 2021 – Aggiornato alle 20:02

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

salone bio 2
L’intervento

A14, Cesetti: “Arretramento irrealizzabile. Sì alla terza corsia tra Porto Sant’Elpidio e Pedaso”

Il consigliere regionale Pd: "Non si riesce veramente a comprendere la necessità di aprire un dibattito surreale"
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print
pro shop 250
MARCHE
salone bio 2

“Non si riesce veramente a comprendere la necessità di aprire un dibattito surreale su una proposta irrealizzabile e paralizzante come l’arretramento. Si passi invece finalmente dalle parole ai fatti e si ritenga prioritaria la ricerca e l’assegnazione delle risorse per la realizzazione della già progettata terza corsia A14 nel tratto da Porto Sant’Elpidio a Pedaso e, all’esito di eventuali ulteriori aggiornamenti dei pareri già disponibili, si dia celermente inizio ai lavori”. Affermazioni chiare da parte del consigliere regionale del Pd Fabrizio Cesetti.

“Nell’ambito della procedura per il riconoscimento dell’Area di crisi la Regione Marche reiterava la richiesta – già rappresentata al Ministro Delrio nel luglio 2015 all’interno del dossier “Priorità strategiche della Regione Marche” – di completare la terza corsia A14 Porto Sant’Elpidio-Pedaso (18 km), considerato che per l’opera in questione già si erano espressi favorevolmente il Consiglio dei Ministri e la Commissione parlamentare per le questioni regionali e che la stessa aveva ottenuto il parere favorevole della Regione, della Provincia e di gran parte dei Comuni interessati, oltre alle positive valutazioni circa l’impatto ambientale da parte degli organi competenti. E detto intervento veniva considerato tra i più prioritari tanto da prevedere che la realizzazione dello stesso sarebbe stata oggetto di apposito addendum all’AdP in esito alle risultanze del tavolo istituzionale. All’epoca, in qualità di Assessore con delega all’Area di crisi, in occasione dei diversi incontri con il MiSE e con il MIT, ribadivo, anche con documenti scritti, che in assenza delle misure infrastrutturali da realizzare (tra le quali prioritariamente la terza corsia in parola) qualsiasi strategia avrebbe perso di credibilità ed efficacia in quanto carente di una delle leve necessarie su cui puntare per attrarre investimenti e rilanciare l’Area di crisi. E le affermazioni del Ministro Giorgetti confermano questa ineludibile esigenza ed aprono ad una grande opportunità che la Regione Marche ed il nostro territorio devono saper cogliere con tempestività e determinazione”.

soriano 250

Ultime notizie

angolo 57 250

TI CONSIGLIAMO NOI…