Offida, dal Ministero arrivano 2,7 milioni. Serviranno per restaurare l’ex convento Sant’Agostino

Print Friendly, PDF & Email


OFFIDA – Il Comune di Offida è stato inserito nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, che prevede l’assegnazione di una quota dell’8 per 1000 dell’Irpef per la Conservazioni di Beni Culturali. “Nella fattispecie – spiega il sindaco Lucciarini – sarà elargito un contributo di 2.700.000 euro per l’intervento straordinario di restauro e risanamento conservativo della Chiesa Ex Convento Sant’Agostino con annessa Cappella del Miracolo Eucaristico”.

Lucciarini, ricevuta la notizia, ha immediatamente annunciato la volontà di rinunciare al finanziamento del terremoto già previsto (di 2.450.000 euro) per i lavori all’ex convento.

“Siamo molto soddisfatti per essere stati inseriti nel Decreto – commenta il Primo cittadino – innanzitutto per il riconoscimento di un bene di valore come il nostro Sant’Agostino. Attingendo a questo contributo ne beneficeremo per tre motivi: potremo contare su un finanziamento maggiore; le procedure sono diverse e garantiscono un intervento più veloce e, infine, con la rinuncia del finanziamento del terremoto si potrà concordare con la Regione e l’Ufficio di Ricostruzione, che quindi risparmierà, la possibilità di utilizzare parte di questo risparmio per un intervento presso la struttura dell’ex mattatoio”.


CONDIVIDI