Monsignor D’Ercole è nel monastero di Notre Dame d’Atlas. “A 1500 metri e senza riscaldamento”

Print Friendly, PDF & Email
A 1500 metri di altitudine senza riscaldamento. E’ la condizioni nella quale si trova il vescovo emerito di Ascoli, monsignor Giovanni D’Ercole che, la scorsa settimana, ha raggiunto il monastero trappista Notre Dame de l’Atlas, in Marocco. E’ lo stesso monsignore, in un post sui social, a parlare di un “adattamento non facile”. “Il freddo – afferma – qui in montagna (1500 metri di altitudine) si fa sentire notte e giorno, essendo il monastero privo di riscaldamento”. Monsignor D’Ercole ha postato anche alcune foto con i cinque monaci che vivono nel monastero. Tra loro c’è un novantaquattrenne, unico superstite del monastero di Tibhirine, “un vero sant’uomo – continua D’Ercole – che comunica pace e gioia senza parlare. Io mangio accanto a lui nel refettorio e in chiesa mi è difronte . Poche parole ma sempre un sorriso. Ha 94 anni e quando parla dei confratelli martirizzati si chiede sempre perché sia stato risparmiato”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI