mercoledì 7 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 15:29
mercoledì 7 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 15:29

Marche, ottima qualità della birra artigianale. Coldiretti: “Ma i costi sono esplosi”

Delle circa 50 realtà marchigiane, ne mancano all’appello una decina che hanno sospeso la produzione
francesca piunti

Agricola o artigianale i consumi sono cresciuti e molte aziende agricole negli ultimi anni ne hanno abbracciato la produzione sfruttando produzioni proprie di orzo e cereali. Stiamo parlando della birra che nelle Marche, tra le prime regioni cerealicole d’Italia, non manca la qualità tanto che Slow Food di recente, considerando valori identitari, distintività e tutela del territorio, ha menzionato ben 9 etichette nella sua guida delle Birre d’Italia, portandoci sul podio dopo Piemonte e Lombardia. Un successo che tuttavia ora è minacciato dall’esplosione dei costi che ha colpito tutte le filiere.

Delle circa 50 realtà marchigiane (tra birrifici artigianali, agricoli e brewpub, locali che producono in casa le proprie bevande, sulle oltre 1000 italiane) ne mancano all’appello una decina che hanno sospeso la produzione in attesa di tempi migliori. I birraioli negli ultimi due anni hanno subito un boom di costi che va dal +200% dell’energia al +45% per gli imballaggi al +40% per le bottiglie, mentre le lattine hanno segnato +10%, i tappi +22%, i fusti di plastica +23%. È quanto emerge dall’analisi della Coldiretti e del Consorzio di tutela e promozione della birra artigianale italiana.

“In questo scenario è necessario sostenere i piccoli produttori di birra artigianale italiana – affermano Coldiretti e il Consorzio – con la stabilizzazione del taglio delle accise per non mettere a rischio un’intera filiera di alta qualità del Made in Italy con effetti sulla produzione, i posti di lavoro e sui consumi. Fino ad ora i birrifici artigianali hanno assorbito quasi del tutto l’incremento dei costi che solo una piccolissima parte sta pesando sui prezzi al dettaglio. Ma se i costi non dovessero scendere diverse aziende rischiano di chiudere definitivamente o di dover sospendere la produzione per almeno tentare di ridurre le perdite”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PUBBLICITA’

onova 250
menoamara

TI CONSIGLIAMO NOI…