venerdì 24 Settembre 2021 – Aggiornato alle 11:49

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

PUBBLICITA’ ELETTORALE

bottiglieri 400

Cupra, le nuove attività pagheranno Imu e Tari con il contributo del Comune

Le dichiarazioni del sindaco Piersimoni
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print

PUBBLICITA’ ELETTORALE

muzi 400

PUBBLICITA’ ELETTORALE

spazzafumo 250
spazzafumo 550
angolo 57 250

CUPRA MARITTIMA – Cupra non rinuncia alle location Villa Boccabianca e Villa Vinci per le celebrazioni di matrimoni civili. Nei giorni scorsi, infatti, il Comune ha rinnovato il contratto di comodato d’uso gratuito, scaduto da qualche settimana, per la celebrazione di matrimoni civili, con la società Vincis.r.l. proprietaria dei locali, fino al 31 ottobre prossimo. Intanto nella giornata di ieri si è tenuto, in modalità online, il Consiglio comunale che tra i vari temi ha avuto ad oggetto l’approvazione del regolamento per la concessione di contributi inerenti l’apertura di nuove attività e la trasformazione di immobili nel centro storico di Marano.

«Per incentivare la nascita di nuove attività nel Paese alto – sottolinea il sindaco Alessio Piersimoni – da qui ai prossimi quattro anni, daremo contributi per la durata di tre anni pari al valore della Tari e dell’Imu. Ovvero chi deciderà di aprire un’attività a Marano sarà esente, per tre anni, da determinati pagamenti. Inoltre incentiviamo anche i proprietari dei locali affinché li adibiscano ad uso commerciale, il tutto senza avere aggravi».

Sempre nel corso del Consiglio comunale è stato approvato il programma triennale delle opere pubbliche relative al triennio 2021-2023 e al programma annuale 2021. «Sicuramente – aggiunge il sindaco Piersimoni – proseguiremo con una serie di interventi volti a migliorare la città attraverso la realizzazione di varie opere pubbliche, come quelle che interessano l’edificio scolastico con l’attuazione di adeguamenti antisismici. Restano invariate le tariffe Imu e Irpef e per quanto riguarda la Tari abbiamo posticipato la rata unica: ci saranno due rate una il 30 aprile, che si potrà pagare entro il 31 ottobre, quest’ultima scadenza è prevista anche per chi vuole pagare in unica soluzione. Una soluzione già studiata lo scorso anno e che riproponiamo di modo tale che famiglie e le imprese possano organizzarsi con i pagamenti. Abbiamo fatto adeguamenti rispetto al Canone unico, ovvero è stato calcolato in maniera tale che non cambiassero i costi sostenuti dagli utenti. In questo modo di fronte a questa crisi pandemica riusciamo a garantire i servizi ai cittadini ma senza gravare sulle loro tasche. Come il costo della mensa, riportato a quello pre Covid, perchè le spese aggiuntive determinate dagli adeguamenti in linea con i protocolli, sono coperti dal Bilancio».

carpe diem 250

PUBBLICITA’ ELETTORALI

consorti
zappasodi 250
canducci 250

Ultime notizie

haster 250

TI CONSIGLIAMO NOI…