Ad Ascoli la mostra sulla storia e le attività della Polizia Scientifica

Print Friendly, PDF & Email

ASCOLI PICENO – Si è svolta ieri presso la Prefettura di Ascoli Piceno l’inaugurazione della mostra fotografica Frammenti di Storia, l’Italia attraverso le impronte, le immagini, e i sopralluoghi della Polizia Scientifica alla presenza del Vice Capo della Polizia Prefetto dott. Nicolò D’Angelo, il Direttore del Servizio Polizia Scientifica dott. Fausto Lamparelli, il Procuratore Capo della Repubblica di Ascoli Piceno Dott. Umberto Monti, il Questore di Ascoli Piceno dott. Luigi De Angelis e il Dirigente GIPS Marche Abruzzo dott Massimiliano Olivieri.

Dopo i saluti del Questore Dott. Luigi De Angelis, il Direttore del Servizio della Polizia Scientifica Dott. Fausto Lamparelli ha relazionato dell’impegno costante e certosino della Polizia Scientifica dalla sua istituzione ad oggi con un capitale strumentale e tecnologico che è andato sempre aumentando negli anni, costantemente al passo coi i tempi ed in diversi casi anticipando l’impiego di strumentazioni e software utili alla missione della Polizia Scientifica quella di fornire con i sopralluoghi e la ricerca in laboratorio utili elementi probatori per l’individuazione del colpevole di un reato.

Il Procuratore Capo della Repubblica di Ascoli Piceno Dott. Umberto Monti ha fatto un excursus storico della Polizia Scientifica dal 1903, anno in cui Salvatore Ottolenghi, medico legale e allievo di Cesare Lombroso, impartisce le prime lezioni di antropologia criminale a funzionari di Pubblica Sicurezza ed ha illustrato in successione gli atti dispositivi in cui la magistratura doveva far ricorso alla Polizia Scientifica per meglio istruire i procedimenti.

Durante la manifestazione sono stati premiati i Poliziotti della Scientifica di Ascoli Piceno in pensione e/o prossimi: Vice Commissario Massetti Galiano, Ispettore Capo Luciano Gasparroni, Ispettore Capo Augello Antonio, Assistente Capo Carboni Emidio.

Successivamente veniva inaugurata la scena del crimine, ad arte ricostruita ad opera del Gabinetto Interregionale della Polizia Scientifica Marche e Abruzzo con la rappresentazione di una scena cruenta che è stata l’attrazione dei numerosi cittadini che dalle 15.00 hanno visitato la mostra.