Farmacisti marchigiani ai candidati: “Riconoscere la farmacia marchigiana come parte integrante dell’assistenza sanitaria”

Print Friendly, PDF & Email

Andrea Avitabile , presidente di Federfarma Marche, si rivolge ai candidati alle regionali invitandoli a ”riconoscere la farmacia marchigiana – 530 in tutto il territorio – come parte integrante dell’assistenza sanitaria, in piena sinergia con gli altri operatori coinvolti”.

L’invito rivolto a coloro che per i prossimi anni gestiranno lo sviluppo e la salute dei marchigiani, è “ prevedere investimenti di risorse adeguate e finalizzate ad una sempre maggiore integrazione tra la farmacia e il Sistema sanitario regionale, nel primario interesse del cittadino”.

Ricorda che “anche le Marche sono state ammesse alla sperimentazione della Farmacia dei servizi, significativa opportunità per il cittadino e le istituzioni sanitarie locali, sono già tante le occasioni di sinergia , come ad esempio le campagne di screening regionali e la distribuzione dei farmaci in Dpc, un servizio da incrementare ”. Il pensiero corre “alle aree interne della nostra regione dove le oltre 250 farmacie rurali offrono, quotidianamente, un servizio insostituibile in zone in cui molto spesso sono l’unico presidio sanitario rimasto attivo. Un presidio sanitario in cui la figura del farmacista rurale si dimostra in grado di rappresentare il riferimento più affidale per il cittadino”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente di Federfarma di Ascoli Piceno Gianni D’Aurizio: “Le farmacie marchigiane possono e vogliono fare di più, a servizio dei territori e delle comunità, già garantiscono capillare assistenza nell’intera giornata con un professionista qualificato, pronto anche ad ascoltare il cittadino – paziente”.

“Lo abbiamo dimostrato – sottolinea Avitabile – con l’emergenza Covid-19. Quando anche l’accesso agli studi medici e agli ospedali veniva limitato, le farmacie hanno continuato a presidiare il territorio, rimanendo aperte per un supporto continuativo nei servizi; come farmacisti siamo consapevoli di avere contribuito al contenimento della pandemia, assicurando anche tranquillità alla popolazione”.

Le voci di Federfarma sottolineano ”le ultime drammatiche esperienze hanno confermato quanto le farmacie possono fare in più: senza aggravio di costi per la Regione e con l’ottimizzazione dei servizi esistenti: a coloro che guideranno la regione Marche ricordiamo che esiste una opportunità concreta di miglior “uso” della rete delle farmacie, parte integrante dell’assistenza sanitaria sul territorio, in sinergia con gli altri operatori coinvolti”.

Le farmacie marchigiane sono pronte ad “operare per la disponibilità del farmaco , ma anche favorire l’utilizzo razionale delle risorse , generando risparmio economico in termini di aderenza alle terapie, con un miglioramento della qualità di vita dei pazienti in cura e minori costi di ospedalizzazione”.

La conclusione del messaggio dei titolari delle farmacie marchigiane è lineare ”noi ci siamo, siamo pronti a continuare a garantire sempre il nostro servizio al cittadino ”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI