Confindustria Marche guarda al Messico

Print Friendly, PDF & Email

Grande partecipazione alla missione organizzata dalla Piccola Industria di Confindustria Marche presso l’Ambasciata del Messico in Italia. La delegazione guidata dal Presidente Gianni Tardini, si è presentata ieri, martedì 22 settembre, all’Ambasciatore Carlos Garcia de Alba che ha accolto gli industriali rappresentando le grandi opportunità per le aziende italiane in Messico, ulteriormente arricchite dalla recente rivisitazione degli accordi di libero scambio con l’Europa e del NAFTA, ovvero con USA e Canada. In questa importante occasione l’Ambasciatore, dopo aver fatto le presentazioni con tutti gli imprenditori intervenuti e i relativi funzionari, ha voluto rappresentare un quadro sulle relazioni economiche tra i due Paesi che è emerso con chiarezza essere di primaria importanza, non solo circa gli scambi commerciali ma anche per quanto riguarda gli IDE (investimenti diretti esteri) sia dall’Italia verso il Messico ma soprtattutto dal Messico verso l’Italia. D’altronde il Messico ha recentemente superato per popolazione il Giappone a quota 126 milioni di abitanti, il che lo rende il decimo Paese mondiale dal punto di vista demografico e quattordicesimo per superficie con quasi 2 milioni di km quadrati. Non da meno il fatto che l’Italia rappresenta il terzo partner commerciale e che l’import italiano in Messico è il maggiore in tutta l’America Latina.

Dopo la visita a San Benedetto del Tronto lo scorso luglio, favorito dall’impegno dell’imprenditore Ottavio Medori anch’egli presente ieri, e questa presentazione presso l’Ambasciata, è volontà di tutte le parti organizzare una missione esplorativa in Nord America nel 2021 per verificare con maggior concretezza le opportunità di cooperazione. A tal fine proprio nelle scorse settimane si è costituito un gruppo di interesse tra aziende il cui scopo è procedere nell’iter italiano per il riconoscimento di una Camera di Commercio Messicana in Italia, ancora non presente, che possa incrementare e facilitare ancora di più tali relazioni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI