cantine al borgo
mercoledì 19 Giugno 2024
Ultimo aggiornamento 12:11
cantine al borgo
mercoledì 19 Giugno 2024
Ultimo aggiornamento 12:11
Cerca

Armi e droga in casa, irruzione in una palazzina di Porto Sant’Elpidio

Quattro le persone denunciate. Si tratta di due italiani e due magrebini, per possesso illegale di arma comune da sparo e relativo munizionamento e per spaccio di sostanza stupefacente
Pubblicato il 28 Maggio 2024

PORTO SANT’ELPIDIO. Nelle prime ore di questa mattina, la squadra mobile di Fermo ha effettuato un’importante operazione di polizia che ha portato alla perquisizione di due abitazioni in un palazzo della città. L’operazione è scattata all’alba, quando gli agenti, dopo aver circondato l’edificio, hanno fatto irruzione nelle abitazioni sospette.

L’intervento è stato il culmine di un’indagine che ha rilevato un andirivieni sospetto di persone osservate effettuare scambi sospetti nel palazzo. Le segnalazioni avevano anche indicato la possibile presenza di armi e droga in una delle abitazioni, rendendo necessario un intervento tempestivo e coordinato.

Durante il blitz, gli agenti sono entrati nelle abitazioni con l’ausilio di scudi blindati. In una delle abitazioni, è stato trovato e sequestrato un fucile da caccia con cinque cartucce a pallettoni, oltre a una balestra in ferro con quindici dardi a punta d’acciaio. Nella stessa abitazione, è stato rinvenuto un ingente quantitativo di sostanze stupefacenti, tra cui cocaina e marijuana, confezionate in dosi pronte per lo spaccio. Gli agenti hanno anche trovato strumenti per il confezionamento della droga, come bilancini di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi.

Le indagini continuano per determinare il contesto e la destinazione delle armi e della droga sequestrate. Le forze dell’ordine stanno verificando se vi siano connessioni con attività criminali più ampie e se altri soggetti siano coinvolti. Sono in corso accertamenti per identificare eventuali complici e mappare la rete di spaccio che potrebbe estendersi oltre i confini locali.

L’operazione ha portato alla denuncia di quattro persone, due italiani e due magrebini, per possesso illegale di arma comune da sparo e relativo munizionamento e per spaccio di sostanza stupefacente.  Sono stati trovati anche sei trapani professionali con relativi utensili e attrezzi di corredo (batterie ricaricabili, punte da ferro e mole per taglio ferro/acciaio).

TI CONSIGLIAMO NOI…