“Una notte tra tante”, al Mercantini di Ripatransone lo spettacolo ispirato a “Canto di Natale”

Print Friendly, PDF & Email

RIPATRANSONE – Sabato 14 dicembre alle ore 21;00 presso il Teatro Mercantini di Ripatransone approda una storia speciale e senza tempo, per tutte le età , ispirata a “Canto di Natale” di Dickens, per la regia di Luca Vagnoni. “Una Notte Tra Tante” vede protagonisti un cast di oltre trenta elementi, di età compresa tra i dieci e i settanta anni, della Compagnia “Rattattù”. Dopo il debutto nel 2017, torna a grande richiesta, in versione rinnovata, per il terzo anno consecutivo in tournée nei teatri marchigiani.

La storia: Scrooge, è un vecchio avido e taccagno, che odia il Natale e che ha preferito i soldi agli affetti. Ma una notte la visita di tre Spiriti (anzi quattro!) lo cambierà in maniera irreversibile, con conseguenze imprevedibili.

L’Associazione culturale “Rattattù”, ha deciso di abbinare la tournèè a finalità sociali e di solidarietà. Infatti, la compagnia devolve parte del ricavato dello spettacolo, ad un’ associazione , ente o scuola che opera nel territorio comunale nel quale la pièce viene rappresentata. In questo caso parte del ricavato sarà devoluto alla sezione donatori di sangue dell’Avis di Ripatransone.

“Mi sono ispirato al “Canto di Natale” di Dickens, un libro che mi ha sempre affascinato, perché nella sua semplicità ha insito in sè un messaggio potente e straordinario: non è mai troppo tardi per rimediare agli errori del passato e seppur ci sono cose che non possono più essere cambiate, non è mai troppo tardi per cogliere una nuova occasione, un’opportunità di redenzione per provare a migliorare e a costruire un futuro diverso.”

La produzione e la realizzazione dello spettacolo è a cura dell’Associazione Culturale “Rattattù” che che ingloba i progetti teatrali con ragazzi e adulti, diretti da Vagnoni, tra il piceno e il fermano.
L’Associazione ha sede a Cupra Marittima, ma ha collaboratori di diversi paesi limitrofi ed opera e collabora attivamente con enti, realtà associative e organizzazioni in tutto il territorio regionale.
Oltre al teatro si occupa di: corsi di formazione, workshop, organizzazione eventi culturali e spesso associa alle sue attività il sostegno a progetti sociali e di solidarietà.
Il nome “Rattattù”, deriva da un termine dialettale, che sta ad indicare uno zibaldone, una situazione di caos, nel nostro caso, caos creativo di idee e sogni.
Biglietti in prevendita a Ripatransone, presso l’Ufficio IAT e presso la Cartoleria “Di tutto un po’” di Carla Corsi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI