Una moltitudine di presepi e un albero di mattoni per i bambini terremotati

Print Friendly, PDF & Email





MONTEPRANDONE – I presepi tornano a Monteprandone in due location. La prima è Palazzo Parisi all’interno del centro storico del paese con ben quaranta presepi provenienti dagli allievi dell’Accademia Italiana di Arte Presepiale di Giovanni Rosati, dai presepisti di territori limitrofi e nazionali (due da Roma, uno da Venezia). Saranno esposti al pubblico dal 25 Dicembre all’8 Gennaio, dalle 15:30 alle 19:30.

La seconda è il convento di San Giacomo della Marca. Nel chiostro del convento ci saranno 715 presepi da tutto il mondo appartenenti a Padre Nicola Iachini, rientrato dal Belgio dopo quarantun’anni e ora residente nel santuario. Saranno aperti al pubblico dal 24 Dicembre al 20 Gennaio, la mattina dalle 9:00 alle 12:00 e il pomeriggio dalle 15 alle 21.

“È la ventiduesima mostra che allestiamo all’interno di Palazzo Parisi.”, informa Giovanni Rosati, presidente dell’associazione Segui la Cometa – Accademia Italiana dell’Arte Presepiale, “Ci siamo resi conto che ogni anno i presepisti scendono di numero perché non si fanno più i presepi dentro casa. Quindi cinque anni fa abbiamo fondato l’Accademia Italiana di Arte Presepiale nel garage di Natalino Romandini, presidente dell’associazione Mons. Eugenio Massi, per insegnare alle persone. I nostri allievi confezionano opere valide a livello nazionale. Speriamo in futuro di inviare le nostre opere in posti più lontani per valorizzare il nostro paese”.

“Abbiamo riscontrato negli anni che c’è ancora tanta passione attorno al presepe. I visitatori saranno sicuramente numerevoli come negli anni scorsi.”, ha affermato il sindaco Stefano Stracci. Il percorso dei presepi parte da Centobuchi e passa per Piazza dell’Unità per poi arrivare alla chiesa di San Giacomo della Marca e finire a Palazzo Parisi.

Vicino a Palazzo Parisi è stato allestito dall’ISC di Monteprandone un albero di mattoni disegnati e colorati ribattezzato Albero della Speranza nell’ottica della ricostruzione post-terremoto. Alla fine delle feste questo verrà donato simbolicamente tramite la distribuzione dei mattoni ai ragazzi delle zone più colpite dal sisma. Sarà inoltre allestita una Natività in Piazza dell’Aquila accanto all’albero di Natale dalla Pro Loco di Monteprandone. Entrambi gli ingressi alle esposizioni sono gratuiti.




© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI