Riapre la Cattedrale della Madonna della Marina. Sulle pareti comparirà la preghiera alla Stella del Mare

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – A due anni di distanza dalle scosse di terremoto che da agosto 2016 a gennaio 2017 ne danneggiarono la struttura, la Diocesi di San Benedetto e la Parrocchia di Santa Maria della Marina si preparano a festeggiare la riapertura al culto della Basilica Cattedrale, in programma alle ore 16 di domani – domenica 21 ottobre – con una solenne celebrazione presieduta dal vescovo Mons. Carlo Bresciani a cui seguirà “Cattedrale in festa”, evento in Piazza Nardone nell’ambito del quale si esibiranno i ragazzi della Scuola di Musica Giocondi.

Gli interventi di ristrutturazione, in atto a partire dal 28 maggio 2018, erano stati inizialmente affidati allo Studio Tecnico dell’Arch. Ernesto Paoletti di Montegiorgio, il quale è prematuramente venuto a mancare in itinere. In seguito alla scomparsa dell’Arch. Paoletti, il progetto è stato comunque portato a termine dallo stesso Studio, e i lavori sono stati affidati all’Arch. Michele Cruciani, all’Ing. Chiara Monaldi e all’Ing. Matteo Carosi: quest’ultimo ha curato anche la direzione degli interventi, eseguiti dalla ditta Gavioli Restauri di Montorio al Vomano, il cui titolare Cav. Dino Gavioli ha coperto il costo della copia dell’affresco posta sulla lunetta in fondo alla Chiesa. L’occasione della ristrutturazione, finanziata dal Ministero dei Beni Culturali con un contributo di circa 290.000 euro, è stata infatti sfruttata dalla Diocesi e dalla Parrocchia per eseguire molti altri lavori non riconosciuti dall’Ufficio Speciale per la Ricostruzione di Ascoli Piceno: in seguito alle varie riparazioni strutturali, si è dovuta necessariamente ritinteggiare completamente la Cattedrale, la quale ora presenta finiture in rosa tenue che esaltano la luminosità delle navate, a cui contribuiscono anche le nuove lampade con tecnologia led a basso consumo.

Su tre lati della trabeazione è stata inoltre scritta con caratteri rossi la preghiera Ave Maris Stella, tradotta in italiano. Degni di nota anche i lavori di restauro dell’altare e dello splendido pavimento decorato, oltre allo spostamento della Statua della Madonna nella nicchia da tempo predisposta sulla facciata dell’edificio. Migliorata anche la sicurezza della Cattedrale, grazie all’installazione di telecamere di sorveglianza donate dalla ditta Giudici e Polidori.

“Sono molto contento che la nostra Cattedrale sia di nuovo aperta ai fedeli” – ha dichiarato entusiasta Mons. Bresciani“È un evento importante dal punto di vista religioso per la Diocesi, ma ha anche grande significato civile, poiché contribuisce a ricreare unità e identificazione per la comunità sambenedettese. La Cattedrale di S. Maria della Marina è infatti il punto di convergenza di tutta la Diocesi, che grazie a un gran lavoro di squadra tra progettisti e tecnici riuscirà a riaprire la quasi totalità delle chiese attualmente inagibili entro la fine del 2018, completando 10 interventi prima di Natale. Ringrazio tutti coloro che hanno collaborato a rendere la Cattedrale ancora più bella e accogliente”.