venerdì 9 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 04:10
venerdì 9 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 04:10

Festival Bizzarri, venerdì focus su Pier Paolo Pasolini e Nilde Iotti

Sarà proiettato il documentario “Nilde Iotti – Il tempo delle donne”, di Peter Marcias
bespoke

SAN BENEDETTO DEL TRONTO

Seconda giornata di lavori, venerdì 25 novembre, per la 29esima edizione della Rassegna del Documentario “Premio Libero Bizzarri”.

Mattinata dedicata agli incontri con le scuole, presso il CineTeatro Concordia: dalle 9:15 le alunne e gli alunni del Liceo Classico incontreranno Giorgio Nisini, saggista e scrittore. Il tema centrale sarà lo sguardo documentario di Pasolini, attraverso la proiezione dei documentari “Sopralluoghi in Palestina – Per il vangelo secondo Matteo” e “Appunti per un film sull’India”.

Nel pomeriggio il Premio Bizzarri si sposta nella Sala della Poesia del Palazzo Bice Piacentini. Dalle 14:30 al via le proiezioni dei due concorsi:

CONCORSO ITALIADOC

–        “Il paese delle persone integre”, di Cristian Carmosino Mereu. Il film racconta la ricerca di libertà di quattro cittadini burkinabè: un musicista leader della rivoluzione iniziata nell’ottobre 2014, un candidato alle imminenti elezioni, un minatore impegnato nella lotta sindacale e una madre che deve occuparsi di una famiglia povera e numerosa, tutti accomunati dalla speranza che il proprio Paese possa presto diventare davvero libero e giusto.

–        “Due con. La storia dei fratelli Abbagnale”, di Felice V. Bagnato e Gianluca De Martino. DUE CON racconta la vita e i successi di Giuseppe e Carmine Abbagnale, pluricampioni mondiali e olimpici di canottaggio ed eroi italiani tra gli anni Ottanta e Novanta. I fratelli raccontano, per la prima volta in un documentario, la storia dei loro incredibili successi internazionali.

–        “Sentieri di ferro”, di Luca Curto.  Sirte, 20 ottobre 2011. Un viaggio lento ed emozionale lungo una ex ferrovia del sud Italia che, abbandonata e dismessa alla fine degli anni 80 del 900, è stata in parte riconvertita in una greenway. Un sentiero lungo più di 100 km ci accompagna alla scoperta dell’entroterra calabro-lucan, tra aree protette, bellezze paesaggistiche, culturali e storiche. Protagonista l’attore Rocco Papaleo.

CONCORSO “FABRIZIO PESIRI – OPERA PRIMA”

–        “Les amateurs designers in quarantine”, di Federico Cianferoni e Maxence Dinant. Una riflessione sul fututo della moda attraverso le testimonianze di designers appassionati di tutto il mondo, che mettono l’autenticità, la creatività, la sostenibilità e il loro amore per l’artigianato e il mestiere come prima priorità nel loro lavoro. All’inizio della quarantena la trend forecaster Li Edelkoort ha dato loro un nome, annunciando “l’inizio dell’era dell’amateurs”.

–        “Una volta ancora”, di Giulia Di Maggio. Un viaggio stravagante attraverso le stagioni di una spiaggia, dai suoi deserti sconfinati alle pittoresche folle estive. Nessuna parola, solo i rumori di tre insolite esistenze: la dura vita di una cabina da spiaggia, l’occhio premuroso di una telecamera di sorveglianza e la tenacia di un’ottantenne spericolata.

Si chiude con la serata presso il Palazzo Bice Piacentini. Sarà proiettato il documentario “Nilde Iotti – Il tempo delle donne”, di Peter Marcias. Ospiti il regista e Lella Golfo, presidente della Fondazione Bellisario. Attraverso immagini di repertorio, testimonianze di chi l’ha conosciuta e i suoi pensieri restituiti dall’attrice Paola Cortellesi, la vicenda umana e politica di Nilde Iotti deraglia dal sentiero biografico e penetra nel vivo delle nostre esigenze, oggi rese migliori dal suo coraggio che scardinò tabù ed emancipò la società civile italiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PUBBLICITA’

Avis Sbt 250
Pappa e Ciccia

TI CONSIGLIAMO NOI…